La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




domenica 31 luglio 2011

Sant' Ignazio di Loyola

Nasce in un paese basco nel 1491 da famiglia nobile. Perde la madre appena nato. A 14 anni riceve la tonsura, ma il rampollo più piccolo dei Loyola non è incline alla vita religiosa, è di carattere esuberante e focoso e preferisce la vita del cavaliere, imitando due suoi fratelli. In un combattimento viene ferito ad una gamba. La convalescenza è lunga, dolorosa e noiosa. Non trovando in casa libri a lui graditi legge una Vita di Gesù e un  Leggendario di Santi, che gli illuminano la mente e l'anima. Così nel 1522 parte per Barcellona, si ferma nell'Abbazia benedettina di Monserrat, dove lascia i vestiti di cavaliere e le armi, veste un saio e fa voto di castità, cominciando una vita di preghiera e di penitenza. Ritorna sui banchi di scuola e si laurea a Parigi. Nel 1537 si trasferisce in Italia e viene ordinato sacerdote. Il 27 settembre 1540 viene approvata la Congregazione da lui fondata la 'Compagnia di Gesù'.  Muore il 31 luglio 1556. La sua vita fu spesa per Dio e per la sua maggior gloria (ad majorem Dei gloriam).  

venerdì 29 luglio 2011

Santa Marta


Marta è la sorella di Maria e di Lazzaro, l'amico che Gesù ha risuscitato dal sepolcro. Questa immagine mi piace particolarmente: riassume, in una pennellata di colore, quella che dovrebbe essere la vita di ciascuno di noi, spesa tra azione e preghiera. Bello quel mestolo che sembra d'oro, quasi a significare la preziosità del lavoro manuale e quel libro in mano per ricordarci che tutto è preghiera dalla quale scaturisce ogni nostra azione. Quindi affanniamoci pure nelle attività quotidiane ma teniamo alto lo sguardo, a Dio che ci benedice se operiamo nel suo nome e per suo amore, e lasciamo che avanzi un momento importante nella nostra giornata per dire un'Ave Maria ed anche qualcosa di più! 

mercoledì 27 luglio 2011

Stevia Rebaudiana



Il tempo fuori non è dei migliori considerando che siamo in piena estate.......
Coccoliamoci con un the verde, dolcificato con foglioline di Stevia.  La Stevia è un piccolo arbusto, originario del Centro America. Le foglie hanno un sapore dolciastro dovuto alla presenza di stevioside e rebaudioside. Per questo ha un alto potere dolcificante e senza calorie! Viene usata come edulcorante in Giappone, in America Latina ed in Cina, mentre in Europa è proibita, perchè non vi sono dati disponibili che ne accertino l'innocuità. Questo è falso perchè nei Paesi in cui viene usata non sono stati segnalati effetti avversi. Perchè invece non parliamo di quei dolcificanti prodotti in laboratorio che sono risultati cancerogeni ed ancora sono in commercio? La Stevia è una pianta facile da trovare (ogni vivaio ne ha, costa circa cinque euro ) e da coltivare. Io ne ho comprata una e la tengo sul balcone, le foglie le uso sia secche che fresche. Ve la presento nella tisaniera, immersa nel the.


martedì 26 luglio 2011

Santi Gioacchino ed Anna


Sono i genitori della Vergine Maria. La Santa Chiesa li onora come sposi santi e benedetti per aver concepito e dato al mondo colei che sarebbe diventata la Madre di Dio. Di loro le Sacre Scritture non parlano ma un'antica tradizione che risale al II sec. d.C. ci tramanda i loro nomi. Di loro ha scritto San Giovanni Damasceno: 'O felice coppia, Gioacchino ed Anna! A voi è debitrice ogni creatura, perchè per voi la creatura ha offerto al Creatore il dono più gradito, ossia quella casta madre, che sola era degna del creatore. O Gioacchino ed Anna, coppia beata, veramente senza macchia! Dal frutto del vostro seno voi siete conosciuti, come una volta disse il Signore : 'Li conoscerete dai loro frutti' (Mt 7,16 ). Voi informaste la condotta della vostra vita in modo gradito a Dio e degno di colei che da voi nacque.  O Gioacchino ed Anna, coppia castissima! Voi, conservando la castità prescritta dalla legge naturale, avete conseguito, per divina virtù, ciò che supera la natura : avete donato al mondo la madre di Dio che non conobbe uomo. Voi, conducendo una vita pia e santa nella condizione umana, avete dato alla luce una figlia più grande degli angeli ed ora regina degli angeli stessi. O vergine bellissima e dolcissima! O figlia di Adamo e madre di Dio. Beato il seno che ti ha dato la vita! Beate le braccia che ti strinsero e le labbra che ti impressero casti baci, quelle dei tuoi soli genitori, cosicchè tu conservassi in tutto la verginità!   

lunedì 25 luglio 2011

Santa Brigida di Svezia, Patrona d'Europa

Brigida nasce nel castello di Finsta (Svezia) nel 1303 da genitori pii e di alto rango, legati alla Casa regnante di Svezia. A quattordici anni sposa Ulf Gudmarsson anch'egli di nobile famiglia. 'Per circa due anni Ulf e Brigida vissero come fratello e sorella, finchè non ebbero raggiunto tra di loro una comunione di cuori sufficientemente robusta per sopportare insieme le passioni. E questa offerta a Dio della primizia della loro unione richiamò su di loro per tutta la vita le benedizioni celesti; una pace benedetta fondata sulla verace unione dei cuori. Non ardeva il fuoco dei sensi sul loro focolare, e perciò la loro casa era piena di calore, di luce  e di tranquillità.'( Santa Brigida di Svezia - Giovanni Joergensen - Ed. Morcelliana ). In seguito la coppia ebbe otto figli che Brigida educò con grande saggezza alla vita cristiana.   Visse alla Corte svedese, fu dama della Regina Bianca di Namur.  Nel 1341 i coniugi ai recano in pellegrinaggio a Santiago di Compostela; nel viaggio di ritorno Ulf viene miracolosamente salvato da morte certa, così decidono al ritorno in Patria di abbracciare la vita religiosa. Ulf entra nel Monastero Cistercense ad Alvastra dove vi muore assistito da Brigida nel 1344. Brigida, rimasta vedova, decide di ritirarsi in un edificio annesso al Monastero. Qui comincia ad avere esperienze mistiche e rivelazioni sulle Passione del Signore, che ella trascrive in otto volumi. Nel 1350 si reca a Roma per lucrare l'Anno Santo. Vi rimane fino al 1373 anno della sua morte. Prima di partire traccia la Regola di una comunità monastica ma fu sua figlia, Santa Caterina di Svezia, a poter dar  vita al Monastero di San Salvatore a Vadstena secondo i desideri della madre. Il suo corpo è stato riportato in Svezia.
 Santa Brigida è una grande figura di donna, è la Santa nazionale della Svezia.  
La memoria liturgica di S. Brigida è il 23 luglio. Sono un pò in ritardo!

San Giacomo, apostolo


E' l'apostolo che Gesù chiamò mentre pescava con il fratello Giovanni ed il loro padre Zebedeo. Ebbe il privilegio di vedere Gesù trasfigurato sul monte Tabor e fu il primo tra gli apostoli a morire martire, decapitato a Gerusalemme verso il 44 d.C. Le sue spoglie riposano nel famoso luogo di grandi pellegrinaggi che è Santiago de Compostela.

venerdì 22 luglio 2011

mercoledì 20 luglio 2011

domenica 17 luglio 2011

Benvenuti nella mia cucina

La mia colazione : un buon the bianco dolcificato con miele, gallette di farina di segale integrale e  marmellata.

sabato 16 luglio 2011

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Il monte Carmelo è un'estensione montuosa a Sud dell'attuale città di Haifa (Israele) e si protende verso il mare Mediterraneo per circa venti km raggiungendo i 546 metri di altezza. Proprio qui il profeta Elia fu testimone della misericordia di Dio che fece cadere la pioggia per salvare Israele dalla siccità (si legga nella Bibbia 1Re,18). Il monte Carmelo è il luogo dove si ritiravano gli eremiti ancor prima della venuta di Gesù, dove un gruppo di essi, dopo l'avvento del Cristianesimo, continuò a dimorarvi vivendo nel culto della Vergine Maria. Nasce così l'Ordine Carmelitano, la cui Regola viene approvata nel 1226. Carmelo vuol dire giardino di Dio, luogo prezioso e mistico, al tempo stesso concreto ed invisibile, luogo dell'anima dove scende la pioggia ristoratrice della Grazia del Signore che rigenera e salva. Maria è la Regina del Monte Carmelo, la Regina del giardino di Dio, che accoglie in sè la vita e la fecondità, Gesù incarnato,  donandola al mondo. Il 16 luglio del 1251 la Vergine apparve al primo Padre Generale dell'Ordine, il beato Simone Stock al quale diede lo scapolare con la promessa che avrebbe salvato dalla perdizione eterna coloro che l'avessero indossato. L'Ordine Carmelitano ha donato alla Chiesa tanti santi tra cui Teresa d'Avila, Teresa del Bambino Gesù, Giovanni della Croce, Teresa Benedetta della Croce. Di questi vi parlerò in altri post.         

venerdì 15 luglio 2011

Un fiore ed una prece



 per chi oggi è entrato nel Mistero della vita senza fine.

L'intramontabile

Oggi sul quotidiano on-line La bussola è apparso un bell'articolo dedicato a Gino Bartali. Consiglio vivamente di andare a leggerlo.
www.labussolaquotidiana.it

San Bonaventura

Nasce a Bagnoregio presso Viterbo nel 1221. Ha un'intelligenza viva, è brillante negli studi, completa il suo percorso culturale a Parigi . A vent'anni e con il titolo di Maestro entra nell'Ordine di San Francesco. E' il frate più dotto, ma anche il più umile. Nel 1260 scrive la Legenda Major, la biografia ufficiale di san Francesco d'Assisi.  Muore a Lione il 15 luglio 1274. La Chiesa lo ha proclamato Dottore per la sua sapienza. E' un Santo particolarmente caro a Papa Benedetto XVI, che ha parlato di lui in un'udienza. Qui sotto vi riporto la sua catechesi. E' un santo particolarmente caro anche a me, in quanto oggi ricorre l'anniversario della mia laurea. Spero mi infonda un pò della sua scienza e umiltà.  

Udienza di  S.S Benedetto XVI ( 3 marzo 2010 )


giovedì 14 luglio 2011

San Camillo de Lellis


Nasce a Bucchianico, nelle vicinanze di Chieti, il 25 maggio 1550. Da giovane intraprende la carriera delle armi seguendo le orme del padre. E' un soldato di ventura sfaticato, attaccabrighe e dedito al gioco. Fino a quando si procura un'ulcera al piede per seguire suo padre in viaggio verso Venezia per mettersi al servizio della Serenissima. A causa di questa piaga entra nell'Ospedale di San Giacomo a Roma; ma non essendo un malato grave e per guadagnarsi il diritto di essere curato, si occupa degli ammalati ricoverati, in un primo momento in modo non molto esemplare. La piaga lo costringe a ricoverarsi altre volte, ma Camillo è ormai cambiato: accorre al letto di ogni malato, instancabile, con amore e sollecitudine, vedendo in ciascuno di essi Gesù stesso. Viene ordinato sacerdote nel 1584. Raccoglie intorno a sè un gruppo di giovani che, come lui, desiderano vivere la vita al servizio dei malati e concepisce  la 'Compagnia dei Ministri degli Infermi'. Muore a Roma il 14 luglio 1614.

Servo di Dio Nicola D'Onofrio
- Camilliano -

mercoledì 13 luglio 2011

Benvenuti nel mio giardino.....sul balcone....

Sant' Enrico II, Imperatore



Enrico nacque in Baviera nel 973. Sposò Cunegonda, che la Chiesa venera come santa. Venne incoronato imperatore del Sacro Romano Impero nel 1014 da Papa Benedetto VIII. Visse santamente e guidò il suo popolo con rettitudine. Per questo viene considerato un modello nell'arte di governare. Morì il 13 luglio 1024 a Bamberg. E'sepolto nella Cattedrale di questa città insieme alla sua sposa Cunegonda.
Enrico e Cunegonda
  

martedì 12 luglio 2011

Obsculta, o fili....

Vi starete chiedendo come mai questo mio interesse per san Benedetto. Ebbene, sono in cammino verso l'oblazione benedettina, con mio marito. Questo significa vivere in pienezza la vita del proprio stato, senza rinunciare a nulla,  mettendo in pratica i consigli evangelici, così come la Santa Regola ce li propone. Alla fine di un periodo di preparazione, in cui si studia e medita la Regola insieme ad una monaca che ci fa da maestra, entreremo a far parte della famiglia benedettina, legati ad un Monastero presso il quale abbiamo chiesto di essere ammessi all'oblazione. Continueremo a vivere la nostra quotidianità nella preghiera, nel lavoro, nel servizio, ma con una consapevolezza in più, cioè di appartenere ad una grande famiglia che cammina insieme verso il Cielo.
A proposito di oblazione benedettina invito a visitare un bellissimo ed interessantissimo blog
www.perfectioconversationis.wordpress.com

lunedì 11 luglio 2011

San Benedetto, abate - Patrono d'Europa

Oggi la Santa Chiesa festeggia san Benedetto, abate, patrono d'Europa. Nacque a Norcia nel 480 circa. Spinto dal desiderio di perfezione, si ritirò a Subiaco, conducendo vita eremitica. Nel 529 si trasferì a Montecassino, dove fondò il celebre monastero e scrisse la Regola. San Benedetto ebbe il merito di aver dato all'Occidente una nuova identità spirituale, culturale e sociale, dopo la caduta dell'Impero Romano. E' l'identità cristiana che ai nostri giorni si vorrebbe cancellare definitivamente. San Benedetto fu vero maestro di vita, non solo spirituale ma anche sociale. I monasteri che si ispirano alla sua Regola, ben presto, si trasformano in luoghi di grande fermento di vita. In essi si prega, si studia,  si lavora, si accoglie. Vengono poste così le basi di quella che sarà la grande Europa unita che ebbe il suo massimo splendore nel Medio Evo.
La Santa Regola si ispira alle Sacre Scritture. Essa ci indica il cammino della vita, Ci mostra come la nostra esistenza possa essere vissuta in pienezza, solo ascoltando la Parola di Dio e mettendola in pratica. San Benedetto infatti scrive: ' Christo omnino nihil praeponant, quis nos pariter ad vitam aeternam perducat '. Nulla anteporre a Cristo!  Invito a chi passa di qua, a visitare il blog che ampiamente parla di spiritualità benedettina: www.romualdica.blogspot.com

mercoledì 6 luglio 2011

Santa Maria Goretti

Nacque il 16 ottobre 1890 a Corinaldo (AN).
Non esitò a donare la vita per non perdere la purezza verginale.
Prima di morire, il 6 luglio 1902, perdonò il suo aggressore Alessandro Serenelli, che per l'omicidio scontò 30 anni di carcere. Egli passò il resto della sua vita in un convento. Ecco il suo testamento spirituale: 

lunedì 4 luglio 2011

Franz Josef Otto von Habsburg

E' morto all'età di 98 anni il Capo della Casa Reale d'Asburgo. Era figlio del Beato Carlo I Imperatore d'Austria e Re d'Ungheria e della Serva di Dio Zita di Borbone-Parma.

sabato 2 luglio 2011

Sacri cuori di Gesù e Maria

Cor Jesu adveniat Regnum tuum, adveniat per Mariam.
"Cuore Divino di Gesù, io ti offro, per mezzo del Cuore Immacolato di Maria Madre della Chiesa, in unione al sacrificio eucaristico, le preghiere, le azioni, le gioie, le sofferenze di questo giorno, in riparazione dei peccati, per la salvezza di tutti gli uomini, nella grazia dello Spirito Santo, a gloria di Dio Padre. Amen"
Omelia del Santo Padre Benedetto XVI in occasione della solennità del Sacro del Cuore di Gesù qui

Cuore Immacolato di Maria