La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 1 agosto 2011

Sant' Alfonso Maria dè Liguori, Vescovo e Dottore della Chiesa

Nasce a Marianella di Napoli il 27 settembre 1696 da una delle più antiche e nobili famiglie del Regno di Napoli. Compie gli studi in casa, dimostra un eccezionale talento per tutte le discipline, appena dodicenne si iscrive all'Università di Napoli  e a sedici anni viene proclamato Dottore in utroque jure con la menzione di lode. Svolge per dieci anni in modo brillante e sempre con grande successo l'attività di avvocato. Dopo una sconfitta giudiziaria, imprevista e moralmente inaccettabile, dopo tre giorni di silenzio e di tormento interiore, decide di volersi consacrare a Dio. Viene ordinato sacerdote il 21 dicembre 1726. Fonda l'Istituto del Santissimo Redentore ( Redentoristi). Nel 1762 viene eletto vescovo di sant'Agata dei Goti (BN). Si occupa della sua diocesi con instancabile zelo. Dopo tredici anni di fatiche apostoliche si ritira nel proprio Istituto, è cieco, quasi completamente sordo e un doloroso reumatismo che gli fa tenere la testa piegata sul petto. Ma continua a scrivere e ad occuparsi dello sviluppo della sua Congregazione. Muore a Pagani (SA) il 1 agosto 1787, all'età di novantanni. Sant'Alfonso nella sua lunga vita si interessò di tutti gli avvenimenti che percorsero il secolo XVIII. Scrisse opere dotte per confutare gli errori del giansenismo e dell'illuminismo ed opere spirituali tra cui la 'Pratica di amar Gesù' e 'Visite al santissimo Sacramento e a Maria santissima'.


Nessun commento:

Posta un commento