La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 30 settembre 2011

Un incontro /2



L'incontro con la figlia di Santa Gianna Beretta Molla ancora continua ad essere al centro dei miei pensieri. Santa Gianna ci ha insegnato il modo di amare, estremo in positivo, senza egoismo, dubbi ed incertezze, rivolto al bene della persona amata. Questa figlia (che si chiama Gianna ) ha ricevuto il dono della vita due volte. La mamma le ha donato la sua giovane vita al momento del concepimento e quando ha deciso di farla nascere nonostante le avessero diagnosticato un tumore al secondo mese di gravidanza e sapeva che l'unica via di salvezza sarebbe stato un aborto. Questo è il vero amore, sì lo so è eroico, può essere difficile, sofferto, ma è l'unico degno di essere chiamato con questo nome! Questo incontro mi resterà nel cuore. Come lo sguardo limpido, sereno, gioioso, sfavillante di Gianna quando mi diceva che è contenta di incontrare persone che vogliono bene alla sua mamma, che per lei facciamo parte anche noi della sua famiglia. Quello sguardo mi ha illuminato l'anima! Credo fermamente che in esso sia riflessa la luce degli occhi di santa Gianna che in Cielo contempla il volto di Dio.







Nessun commento:

Posta un commento