La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 23 dicembre 2011

Prepara la culla: è Natale!


'Così com'è, l'uomo non è perfetto: è un essere essenzialmente bisognoso di un restauro, di una riabilitazione, di una pienezza, di una perfezione, di una felicità. La vita umana è una vita, che non basta a se stessa; ha bisogno di un completamento di vita, un completamento infinito. Esaltate pure l'uomo: metterete in evidenza maggiore la sua deficienza, la sua incompletezza, la sua segreta necessità si essere salvato.
Sì, l'uomo ha bisogno di un Salvatore.
A voi, se siete nel dolore, nella miseria, nella sofferenza, nel peccato; a voi, genti di tutto il mondo, noi ripetiamo, con la letizia della certezza: fratelli, è nato per noi un Salvatore; il Salvatore; Egli è figlio di Maria, è il Figlio di Dio. Si chiama Nostro Signore Gesù Cristo' (Papa Paolo VI


 

2 commenti:

  1. Il mio cuore è la tua culla, il mio dolore la paglia dove Tu Dio Bambino vieni posto, il mio amore vuole essere il fiato degli animali che che in quella grotta, in quella notte ti scalda come fu allora.
    Maria, credo come te, che quel bimbo è Dio, è tuo figlio , è il salvatore di tutti gli uomini e lo adoro.
    A volte nelle chiese Gesù bambino, dopo essere stato offerto ai fedeli per il bacio nella notte Santa viene posto sull'altare sotto la croce. Ecco ai nostri occhi l'incarnazione e la redenzione.

    Buona notte Santa a tutti.

    RispondiElimina
  2. Prepariamoci a vivere un'intensa emozione! Tenere tra le nostre mani il Dio Bambino, scaldarlo col nostro alito e adorarlo con tutta la nostra piccolezza. Prepariamoci a farci trasformare il cuore e l'anima. Con Lui nasciamo anche noi, ogni Natale di nuovo. Che cos'è il Natale se non la nostra carne che si rinnova, si rigenera, attraverso la Carne dell'Uomo-Dio?Ringraziamolo per questa grande grazia che ci dona.
    Grazie A. e buon Natale anche a te.

    RispondiElimina