La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




sabato 10 dicembre 2011

Profumi di Natale



Le due industrie dolciarie della mia città lavorano a pieno regime spandendo nell'aria profumi irresistibili! Da non credere, ma è così......




5 commenti:

  1. Tu non sai quanto ho perso; oppure diciamo che sono in arretrato. Non sapevo di dover cambiare mese pensavo fosse in automatico e mi chiedevo perchè non scrivessi più e mi mancavi tanto- sono prprio una incapace. Ora recupererò. Scusam. Adriana

    RispondiElimina
  2. Ho saputo di una leggenda sulla nascita del panettone e mi è piaciuta. Diceva che all'origine era un grosso pane e prima di essere infornato il padrone di casa lo incideva con un coltello facendo sulla superfice una croce in segno di benedizione. Veniva poi cotto al fuoco del camino su di un ceppo di quercia e ginepro.
    Il ceppo era segno dell'albero del bene e del male, il fuoco segno della redenzione operata da Gesù Cristo. Adriana

    RispondiElimina
  3. E' una storia molto edificante! Così ogni volta che mangeremo una fetta di panettone, non penseremo nè al consumismo, che fa tanto parlare la gente comune, nè alle calorie, ma solo a Gesù che vuole per noi ogni bene! Grazie.

    RispondiElimina
  4. Per avere sempre il blog aggiornato, devi memorizzare la home page!

    RispondiElimina
  5. Anche tu mi mancavi con i tuoi commenti! Grazie, Adriana per il tuo affetto.....

    RispondiElimina