La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 17 febbraio 2012

Il profumo del pane



Il profumo del pane è intenso, gioioso, avvolgente. E'profumo di casa, di famiglia, di accoglienza, di fame saziata, di cuore donato, di amore condiviso, di unione indivisibile, di intima amicizia, di sicura vicinanza, di feconda speranza. Il profumo del pane, rievoca sogni mai dimenticati, speranze mai disattese e unioni mai spezzate. Il profumo del pane è il sapore intenso e ridondante della vita, è abbondanza di doni ricevuti, speranza di doni futuri, è vita ricevuta e donata, è profumo di vita vissuta.
Adriana culla in cuore un grande dolore ed una grande fede: Adriana è il profumo del mio pane!   

7 commenti:

  1. Bellisimo. E anche il pane de la foto ... Baci

    RispondiElimina
  2. Estimada hermana, hermosas fotos,gracias el panetón es llamado aquí es muy de navidad y es riquisimo gracias por su sencillez,Hermana que la PAZ de Cristo habite en usted y la guarde siempr, un abrazo fraterno en Cristo Jesús.

    RispondiElimina
  3. Grazie e buon fine settimana a tutti con Cristo nel cuore, nelle azioni e sulle nostre labbra!

    RispondiElimina
  4. carissima, grazie per le tue parole, mi sono commossa. Se una briciola del mio dolore e della mia povera fede potesse profumare come il pane appena sfornato'ne sarei felice.
    Ti racconto un aneddoto carino-
    Un giorno un miscredente volle provocare S. Antonio da Padova sostenendo che una mula affamata, avrebbe preferito assaporare l'aveva che l'ostia. E così lasciarono per due giorni l'animale senza minimo ristoro ma esso respinse l'avena e si inginocchiò davanti al pane consacrato. e da allora il miscredente si convertì alla fede cristiana." Il pane di sant'Antonio " salvava dalla fame i miseri e i derelitti, non solo quelli devoti ma anche i miscredenti.

    RispondiElimina
  5. Un beso para ti y otro para Adriana.

    RispondiElimina
  6. PER ADRIANA:
    Carissima, il tuo profumo si espande in ogni dove ma soprattutto nel mio cuore!
    ti abbraccio forte.

    PER JUAN IGNACIO:
    Grazie. Ricordati che siamo con te,sempre, come profumo di pane....

    RispondiElimina
  7. Per Juan Ignacio grazie di cuore e ricambio.

    RispondiElimina