La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 15 marzo 2012

Dante e i bruti del XXI secolo


'Nel mezzo del cammin di nostra vita...'

credo sia l'incipit più famoso e, oserei dire, il più bello e profondo in assoluto, della letteratura di tutto il mondo! Ma ancora per quanto tempo? In Italia, ma anche in Europa e all'ONU, è in atto un tentativo, finora ben riuscito, di smantellare secoli di civiltà cristiana, fondati sulla Bellezza! L'Italia, in modo particolare, vanta una storia secolare di splendore e di gloria, che le hanno donato il titolo di 'Belpaese', grazie alla maestria ed alla genialità di uomini che hanno messo a disposizione della società la loro abilità ed il loro ingegno. Dante Alighieri è stato uno di essi. Poeta illuminato, che ha saputo ascoltare la Voce di Dio! E' di questi giorni la notizia che certa Valentina Sereni, presidente di Gherush92, organizzazione di ricercatori e professionisti (cosa cercano, ancora non l'ho capito!), che svolge progetti di educazione allo sviluppo e ai diritti umani, accreditata presso l'ONU, ha definito la Divina Commedia antisemita, islamofoba, offensiva, razzista, antieducativa e persino contro i sodomiti, e per questo andrebbe eliminata dai programmi scolastici! Purtroppo saper ammirare la Bellezza, lasciarsi trasportare da essa, lasciarsi conquistare non è da tutti. Il mondo contemporaneo ha perso gli occhi per ammirare! Ha perso il cuore per amare! Ha perso l'intelletto per capire! Ormai per l'uomo del XXI secolo, evoluto e tecnologico, la Divina Commedia non ha più nulla da dire! Charles Moeller ha detto che c'è una sola cosa che supera la bellezza della Divina Commedia ed è la bellezza dei Santi! Perchè i santi hanno saputo stupirsi davanti alla Bellezza, come bambini,  e ne hanno incarnato l'ideale nel loro cuore e nella loro vita, trasformandola in pura bellezza d'amore! Siamo fatti tutti per la Bellezza, per goderne, per lasciarci plasmare da essa, perchè in essa vi sono impressi a caratteri di fuoco, la Mano di Dio, ma anche il Suo Volto ed il Suo Cuore. Non possiamo restarne indifferenti! Anche Dante, ce lo ricorda quando mette sulla bocca di Ulisse queste parole: 'Considerate la vostra semenza: Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtude e canoscenza' (Inferno canto XXVI). Dante nella sua Commedia si fa testimone di una Bellezza che è percepita fino all'eccesso, che fa ammutolire, che ferisce, lasciando integri.  Scrive Fabrice Hadjadj: " Questa è la lezione di Dante, ripresa da Platone e raccolta dal salmista: la bellezza sgomenta - il Paradiso è insostenibile. Per vivere in entrambi occorre accettare di essere poveri, chiamare in proprio aiuto tutte le creature, supplicare la Bellezza in persona, Dio stesso, di farsi celebrare attraverso le nostre voci"
(La ferita della bellezza J-L Chrétien- ed. i Rombi Marietti 1820)

7 commenti:

  1. Dante ha contribuito a rendere famosa la storia Italiana in tutto il mondo!

    RispondiElimina
  2. Dante fue uno de los hombres más grandes de la historia y gran defensor de Italia.Su obra "La Divina Comedia" forma parte de la mejor literatura del mundo. Estupendo post, Matina. Un beso.

    RispondiElimina
  3. La gente ya no sabe cómo hacerse notar, les importa poco hacer el ridículo.

    Un abraccio.

    RispondiElimina
  4. Lo curioso es que los puritanos del pensamiento postmoderno se proclaman abanderados de la libertad.

    (Martina, creo que la "salvación" de Italia pasa por ahí, por mirarse en sus grandes hombres, como te comentaba un día).

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. PER IMMAGINI DI CRISTO:
    Sante parole! Grazie!

    POR AMALIA:
    Dante è il personaggio più grande di cui non solo l'Italia deve essere fiera ma ogni persona di buona volontà e di grande sensibilità. Grazie, un abbraccio

    POR JUAN IGNACIO:
    E' vero, sembra che talune persone non connettano la lingua al cervello prima di parlare!
    Un abbraccio

    POR RAFAEL:
    Anche il concetto di libertà è diventato relativo!
    Pare che gli Italiani stiano diventando smemorati, non sanno più chi sono i veri grandi personaggi che hanno fatto la storia dell'Italia!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Più o meno, qui in Spagna, camminiamo mano a mano, dimenticando i grandi che hanno fatto grande il nostro paese.
    Ma la storia dell'umanità è come un pendolo, avanti e indietro, è per questo che non perdo la speranza, nel ritorno.
    Un forte abraccio

    RispondiElimina
  7. PER ANGELO:
    E' vero, hai ragione. Italia e Spagna si somigliano molto. Anch'io sono convinta che arriveranno tempi in cui si tornerà a Dio, come dice la Madonna a Medjugorje e come diceva anche, qualche secolo fa, Giovann Battista Vico.
    Un abbraccio

    RispondiElimina