La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




sabato 10 marzo 2012

Al bar di Oreste

Attendo il sabato con gioia ed un pizzico di trepidazione! Il sabato è il giorno che spezza la routine abitudinaria di una intera settimana. Non lavoro, mi dedico alla spesa e alle commissioni che non posso effettuare durante la settimana. Perfino la sveglia mi comincia a cantare un pò più tardi! Innanzitutto la Messa, come di consueto, ma alle 8,30 invece delle 7! Poi si va al bar di Oreste! Premetto che per certe cose sono una donna 'all'antica', non mi piace entrare da sola in un bar, per esempio... Ma in buona compagnia sì! Ai miei amici informatori dò appuntamento al bar di Oreste e non certo nello studio; si chiacchiera meglio davanti ad una fumante e profumata tazza di tè! Oreste, il proprietario del mio bar preferito, sicuramente non eccelle in  cortesia, simpatia e cordialità, ma serve il tè più buono di tutto il circondario....
Amo il profumo che si respira nel bar di Oreste: pasticcini, cornetti, torte, cioccolatini, biscotti, tutto esala effluvi di dolcezza! E che dire poi del profumo del caffè? Anche se io non lo bevo, però, il suo profumo mi piace moltissimo.
La pausa colazione con mio marito è rilassante,  si ride, si chiacchiera del più e del meno,  dei fatti della settimana, di politica, di sport, di calcio, della Juventus (naturalmente anche la mia dolce metà è juventina, sennò non l'avrei sposato!), di cosa mangiare a pranzo, si legge qualche giornale......
E così è ora delle commissioni: la banca, la posta, la spesa in fattoria e la lezione al Monastero Benedettino......
ma questa è un'altra storia......  

6 commenti:

  1. Come parli del sabato, forse non conosci il Rosario bloguero. Da tempo che lo viviviamo. Se vuoi unirti legge qui ROSARIO BLOGUERO

    RispondiElimina
  2. E' bello leggerti, sai descrivere così bene l'atmosfera, ciò che ti circonda: gli oggetti, le persone e anche ciò che provi e a me sembra di vederti col tuo sorriso felice come una ragazzina; vestita con un bell'abito elegante portato con semplicità come sai fare tu.
    Sembrano cose da poco e invece sono ricordi bellissimi che ti accompagneranno sempre. Scrivili come hai fatto oggi" al Bar di Oreste" fanne un bel libretto e quando in là negli anni lo rileggerai ti rinnoverà la stessa gioia di ora. Con affetto

    RispondiElimina
  3. quei piccoli gesti che rendono dolce la vita......sono ossigeno per il corpo e per l'anima.....

    RispondiElimina
  4. Vives un dulce sábado y es muy bonito cómo lo describes. Que sean siempre así de felices y que los disfutes tanto como hasta ahora.Un beso, Martina.

    RispondiElimina
  5. Estimada hermana, Gracias muy bueno su comentraior de hoy muchas gracias cada día aprendo algo nuevo, que la gracias de Dios la llene siempre que Dios sea con usted un abrazo fraterno.

    RispondiElimina
  6. POR ANGELO:
    Caro Angelo, ci sto!!!!!
    Mi unisco anch'io a questa iniziativa. Mi piace!

    PER ADRIANA:
    Grazie, cara...
    E' vero sembrano cose da poco e invece sono proprio le piccole cose che ci arricchiscono e danno gioia!

    PER ANGELO:
    E'vero, abbiamo bisogno di piccoli gesti, tanto semplici da sembrare scontati, e che invece nascondono il tesoro della vita....

    POR AMALIA:
    Grazie, Amalia..... spero che sia sempre così....

    POR SILENCIO EN LA ORACION:
    Muchas gracias por compartir en mi vida!!!!

    RispondiElimina