La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




domenica 11 marzo 2012

La confidenza in Cristo

Il profeta Davide poneva ogni speranza di salvezza nel futuro Redentore: "Nelle tue mani metto la mia vita; tu mi liberi Signore, Dio fedele"(Sal 31, 6). Ebbene, ancora più grande deve essere la nostra fiducia in Cristo, dal momento che egli è venuto e ha compiuto l'opera della redenzione. E' vero che abbiamo mille motivi per temere la morte eterna, ma è altresì vero che infinitamente grandi sono i meriti di Cristo, dal quale speriamo la vita eterna. Abbiamo sì peccato e meritato l'inferno, ma il nostro Redentore, con le sue sofferenze, si è fatto carico di tutte le nostre colpe:" Egli ha preso su di sè le nostre sofferenze, si è caricato dei nostri dolori" (Is 53,4). Ha cancellato con la sua morte in croce, la nostra condanna:" Contro di noi c'era una sentenza di condanna, ma Dio l'ha tolta di mezzo, inchiodando Cristo alla croce" (Col 2,14). Ha voluto affiggere il decreto della croce, affichè noi guardandolo, avessimo speranza di perdono e salvezza eterna. Più eloquente del sangue di Abele contro Caino è il sangue di Cristo, che per noi chiede e ottiene misericordia:" Vi siete avvicinati a Gesù, mediatore della nuova alleanza, al suo sangue sparso, che ha una voce più potente di quella di Abele" (Ef 12,24). E' come se dicesse: Felici voi peccatori, che dopo il peccato avete fatto ricorso a Cristo crocifisso; egli col suo sangue si è fatto mediatore di pace tra voi e Dio. E' vero che contro di voi gridano i vostri peccati, ma ancor più si leva forte, a vostro favore, la voce del sangue del Redentore e, a una tale voce, si placa la giustizia divina.
Grande è il numero dei peccati di cui dobbiamo rendere conto all'eterno giudice, ma chi è il nostro giudice? E' il Figlio, al quale "Il Padre ha rimesso ogni giudizio" (Gv 5,22). Coraggio, allora! Nostro giudice è il nostro Redentore. "Chi ci potrà condannare? - scrive l'apostolo  Paolo -. Nessuno, perchè Gesù, che è morto ed è risuscitato, ora si trova accanto a Dio, dove sostiene la nostra causa" (Rm 8,34). E' un giudice che, per non condannarci, ha condannato a morte se stesso e, come se non bastasse, ora, in cielo, è nostro avvocato presso il Padre. " Che temi, peccatore - scrive san Tommaso da Villanova -, se destesti il tuo peccato? Come potrà condannarti chi è morto per non condannarti? Se ritorni ai suoi piedi, come potrà cacciarti via chi è sceso dal cielo per cercarti quando lo fuggivi?".

TRATTO DA 'PRATICA DI AMAR GESU' CRISTO' di sant'Alfonso Maria dè Liguori Ed Città Nuova
cap. III pag 51

5 commenti:

  1. Cristo è Amore e Misericordia oltre che Giusto. La Sua morte di croce, le sue sofferenze per lavarci dalle nostre colpe. Questo io credo da sempre ma non posso non pensare al purgatorio, a quante anime vivono nell'attesa di godere Dio per l'eternità; e questa attesa penso sia sofferenza.Prego tutti gi giorni e anche di più per le anime del purgatorio, le mie preghiere unite alla donazione del mio dolore per le anime più bisognose e per il mio Vitt.
    Con affetto

    RispondiElimina
  2. E' un dovere e un atto d'amore pregare per le anime del purgatorio: realtà misteriosa ed incomprensibile.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Solo inmersa en la Misericordia se entiende el corazón humano en su mas grande debilidad....su misericordia infinita es el oxigeno del alma...saber que nunca se cansa de derramarla en nuestro corazón.....un abrazo enorme Martina.

    RispondiElimina
  4. Estimada hermana, gracias por su reflexión, que dcir ante hermoso compartir, sólo que Dios es el Dios misericordiosos y su amor no tiene medida se nos da a cada momento del día si realmente tomaramos conciencia, como se experimenta esos abrazo y besos de Dios en nuesta jornada, que Dios la llene de su gracias y viva constantemente experimentado el amor de Dios en usted,que Dios la bendiga hermana y la ilumine siempre en su caminar.

    RispondiElimina
  5. POR GOSSPI:
    La Misericordia del Signore sarà la nostra salvezza!
    Un abbraccio

    POR SILENCIO EN LA ORACION:
    Sperimentare l'abbraccio amoroso di Dio nella nostra giornata è sentirsi in pace e protetti, come un bambino in braccio a sua madre.
    Muchas gracias....

    RispondiElimina