La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 16 marzo 2012

Ni uno, ni dos....tres!


L'amico Rafael di polizon y naufrago mi ha dato l'idea! Proprio ieri con il suo post dal titolo non uno, due....tre!
Ha nominato una serie di personaggi che si caratterizzano per essere in tre: I Re Magi, i Moschettieri, ecc....ma non conosce i miei nipoti che sono anche tre!
Era da tanto che volevo presentarveli, purtroppo non ho una bella foto che li veda insieme.
Sono tre, un pò come Qui, Quo, Qua! Valerio alias Lollo, di anni 11, Flavio alias Iaio di anni 7 e Gioele alias Lele di anni 2. 
Sono i figli della mia unica sorella e vivono in Germania.
Il protagonista è il più piccolo, Gioele, compirà due anni fra poco, lunedi 18, e ancora non sa parlare bene. In famiglia si parla sia l'italiano che il tedesco e lui non riesce a fare la differenza tra le due lingue, allora ha inventato un linguaggio tutto suo, dove compaiono e convivono allegramente, tipo minestrone, parole di entrambe le lingue. Lollo, Iaio e Lele sono i nomi con i quali egli chiama i suoi fratelli e se stesso!
L'altro giorno ha chiesto a mia sorella il permesso di scendere al piano inferiore della casa per stare con i suoi fratelli : "Mamma, ù pilen?" Traduco: "Mamma, giù a giocare?" Pilen sta per Spielen - che significa giocare in tedesco.
Un altro giorno, volendo portare il nonno, mio padre, a giocare nella sua stanza, gli ha detto: "Nonno, komm, komm!" (Nonno, vieni, vieni!).
Gioele, è il nipotino che più soffre per il nonno, gli è molto affezionato e da qualche notte soffre d'insonnia. 
Di Valerio ho anche diversi aneddoti da raccontare: sin dall'età di due anni sapeva bene le marche delle automobili: la ienò pingo (renault twingo), la c...lai..le (Chrysler), la fiat maiea (Fiat Marea). Le sapeva riconoscere al primo sguardo, anche senza guardare il marchio, non so come facesse! Quando mi parlava al telefono, si preoccupava di chiedere dello zio (mio marito) e della sua automobile e mi diceva puntualmente: "Sao (Ciao) zia, come sta lo zio, e la Passat?". E sapeva raccontarmi benissimo la storia della Creazione: "Pima, non s'eia niente. Eia tutto buio, non s'eia la luse, non s'eia nente, neanche l'orso pandino e la papeietta. Poi Dio fa la luse e tutte le cose!". Oppure la parabola del figliol pr....o...go! Ora frequenta la quinta elementare, suona il pianoforte, è estremamente sensibile, ha sempre fame soprattutto di dolci, non ha voglia di fare ginnastica e non gli interessano più le auto!
Flavio è in una squadra di pallamano, è il movimento fatto persona! All'età di tre anni voleva fare karatè ma era troppo piccolo e mi diceva: "Oia (ora)non posso faie (fare) kaiatè, perchè sono piccolo e mi posso spaccaie (spaccare) la testa e posso faie male ai bambini!" . Una volta, lui (che aveva quattro anni) e Valerio erano in macchina con me e mio marito, che nel frattempo aveva cambiato la Passat con un fuoristrada. Mio marito mi stava illustrando le caratteristiche dell'automobile chiamandola appunto fuoristrada, Flavio ascoltava ed esordisce entusiasta: "Sì, zio, andiamo fuori strada, io non sono mai andato a fuori strada, deve essere bello!", pensando che fuori strada fosse un paese!!!!
Ora Flavio frequenta la prima elementare ed è bravo in matematica, tifa JUVE, mangia tanto ed è uno scricchioletto.
Questi sono i miei nipotini, amano stare con me e mio marito, insieme ci divertiamo molto, giochiamo, guardiamo film (tutti rigorosamente d'animazione), ridiamo, facciamo teatro e il circo!!!

15 commenti:

  1. Tu post es muy entrañable. ¡¡Qué bonito que puedas disfrutar de los niños y reir con ellos!!..Es estupendo compartir sus juegos. Siempre te quedará ese recuerdo. Un beso, Martina

    RispondiElimina
  2. Amalia, i miei nipotini mi fanno venire sempre il buonumore!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Martina, ¡menuda sorpresa!

    Tienes unos sobrinos tan simpáticos como su tía. Espero que puedas disfrutar de ellos pronto y que TODO vaya bien por Alemania.

    Lo que cuentas de los idiomas me recuerda algo que sucedió con uno de mis sobrimos cuando tenía 4 años. Habíamos ido a las fiestas de Marquina, un pueblo donde se habla principalmente el vascuence. Él iba cogido de mi mano, mientras hacíamos fila para subir a una atracción. Entonces tiró de mi mano y me dijo muy enfadado: "¡Oye, tío, aquí todo el mundo habla en inglés!" Entonces yo trabajaba en el País Vasco, y cuando contaba lo sucedido a mis compañeros se caían de la risa.

    Un abbraccio (y enhorabuena por esa hermana y por esos sobrinos)

    RispondiElimina
  4. Oggi di nipotini... ¡Fantastico!
    Un forte abraccio

    RispondiElimina
  5. Rafael, troppo esilarante questa storia......
    Mi stai facendo ridere di gusto!
    I bambini sono l'allegria del mondo.
    Grazie di tutto, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Angelo, i miei nipotini sono straordinari, come tutti i bambini!
    Sono tanto affettuosi, purtroppo non li vedo spesso e quando stiamo insieme non mi lasciano mai!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Estimada hermana, Sólo puedo decir ¡Fantastico!, que Dios la bendiga por su sencillez y bendiga a todos los suyos; Dios sea con usted.

    RispondiElimina
  8. E' veramente bello, gioioso avere 3 nipotini così. Gioele poi essendo il più piccolino farà la felicità di tutti specialmente del nonno il quale si ritroverà ad assaporare quei momenti che da papà con il lavoro non poteva avere. Ora li sta riguadagnando e con tutta l'esperienza di una vita passata.
    E' tanto bello quando si vedono ai giardini pubblici il nonno che tiene stretta la manina del nipotino e discorrendo si avviano
    ai giochi. Un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina
  9. Muchas gracias, silencio en la oracion. Con affetto, un abbraccio in Jesu et Maria

    Adriana, grazie! Spero che il nonno possa essere ancora così, come lo descrivi, per moltissimo tempo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Dio benedica i vostri nipoti.

    A proposito, come sta tuo padre? Prego per lui.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Hola Andy!
    Mio padre verrà operato martedi 20.
    Grazie per le tue preghiere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Bellini!!!hai descritto i tuoi nipotini in maniera fantastica, io e Rossana ci siamo fatti un sacco di risate immaginando le scene che hai illustrato!!!
    un'abbraccio a tutti!!!

    RispondiElimina
  13. Angelo, io e Mauro ridiamo ancora ora quando ricordiamo queste scene!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. sorellona mia,
    mi sono emozionata tantissimo e non riesco a smettere di piangere tante cose le avevo dimenticate come p. e. la storia del fuoristrada gli hai descritti solo come una zia che li ama tanto puó farlo. Sono veramente come qui, quo, qua....un abbraccio ti voglio bene

    Teresa

    RispondiElimina
  15. Ciao sorellina!
    Spero di potervi abbracciare tutti domani......
    A presto, anch'io ti voglio bene....
    Un fortissimo abbraccio a tutti.

    RispondiElimina