La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




sabato 21 aprile 2012

Blandina, Billy the Kid ed il Far West

Rosa Maria Segale, nasce in Liguria il 23 maggio 1850. Ha solo quattro anni quando, con la famiglia, emigra negli Stati Uniti d'America. A diciotto anni diventa suora della carità a Cincinnati ed assume il nome di Blandina in onore della martire trucidata nel 177 d.C. sotto Marco Aurelio. Dopo un periodo di insegnamento in Ohio, viene inviata, all'età di 22 anni, come missionaria a Trinidad nel Colorado, presso un villaggio di minatori. Trinidad è un villaggio di confine, frequentato da fuorilegge e yankees, percorso da squadre di vigilantes e sempre sotto l'incubo di un attacco di indiani. Il viaggio dura due settimane, prima in treno poi in diligenza. Qui vi rimane un anno, dopodichè viene nuovamente spostata a Santa Fé in New Mexico. Qui fa costruire un orfanotrofio, un ospedale ed una scuola. Nel 1882 un nuovo trasferimento ad Albuquerque, dove fa costruire un convento per il suo Ordine. Nel 1889 viene rinviata a Trinidad ad insegnare, ma qui si scontra con l'establishment massonico e protestante che le vieta l'ingresso nelle scuole perchè religiosa cattolica. Suor Blandina intenta anche un'azione legale ma invano, così è costretta a ritornare ad Albuquerque. Gli ultimi anni della sua vita li trascorre a Cincinnati, occupandosi dell'assistenza agli emigrati italiani nel centro che aveva fondato personalmente per loro. La vita di suor Blandina nel Far West è stata davvero un'avventura straordinaria! Donna di estremo coraggio, di grandi capacità organizzative, fedele al carisma del fondatore del suo Ordine, san Vincenzo dè Paoli. Cura i malati di colera, dissuade tanti dal tentativo di suicidio, si oppone alle ingiustizie perpetrate ai danni dei nativi americani, accompagna i moribondi fino alla fine, combatte contro i predicatori protestanti per difendere la Santa Dottrina della Chiesa Cattolica, descrive la corruzione a tutti i livelli soprattutto nella politica, accoglie i malati terminali dei quali più nessuno vuole occuparsi, i pionieri che versano nella miseria spirituale e materiale malati di alcolismo, le ragazze malate di sifilide, gli Indiani, abbrutiti dal whisky, truffati da torme di profittatori e malati di delirium tremens. Ma il suo nome è particolarmente legato al bandito Billy the Kid, che ebbe modo di conoscere personalmente tanto da descriverlo nel suo diario così:'Aveva gli occhi azzurri acciaio, carnagione rosea e l'aria di un ragazzino'. La prima volta che lo incontrò fu quando egli minacciò vendetta dopo che un uomo della sua banda venne ucciso. Suor Blandina riuscì a convincerlo a non far del male a nessuno. Un'altra volta lo incontrò durante un assalto alla diligenza in cui ella viaggiava. Mentre tutti i passeggeri scendevano atterriti, suor Blandina lo rimprovera, e lui riconosciutala, si leva il cappello, fa un inchino e se ne va! Quando apprende della sua morte violenta per opera dello sceriffo Pat Garrett annota nel suo diario: 'Povero Billy the Kid, termina così la carriera di un giovane che cominciò a scendere la china all'età di dodici anni vendicando un insulto che era stato fatto a sua madre'. Suor Blandina che ha sfidato la durezza, i pericoli e i disagi del Far West, muore a Cincinnati il 23 febbraio 1941 dopo una vita spesa nell'amore e nel servizio al prossimo, per compiere quello che lei soleva chiamare 'il lavoro di Dio'. 
        
Spero che suor Blandina, dal Cielo, possa intercedere per tutte le suore cattoliche americane che in questo periodo sono in lotta contro la Santa Sede, per affermare principi contrari agli insegnamenti di Gesù.   

8 commenti:

  1. Cara Martina, la mia preghiera è che tutti riusciamo ad impegnarci nel lavoro di Dio.

    Buona Domenica, spendiamo bene anche questo giorno, è una nuova possibilità.
    Apriamo le braccia alla vita.

    RispondiElimina
  2. Ciao Mirta, buona domenica anche a te!

    RispondiElimina
  3. Admirable la vida de esta mujer. Es un buen ejemplo por su valor y entrega a los demás. Además, toda su historia es emocionante. Buen domingo, Martina y un beso.

    RispondiElimina
  4. Estimada hermana, gracias por ser parte de esa gran familia de los amigos de Dios, gracias por su sencillez en tramitir, las maravillas de Dios en las personas, Dios sea con usted.

    RispondiElimina
  5. Quante Blandine ci vorrebbero per compiere anche oggi il "Lavoro di Un Dio"
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  6. Vi ringrazio per aver letto la storia bellissima di questa suora che è stata chiamata anche 'suor Coraggio'. Io la ammiro molto: il suo indomito coraggio, e l'intrepida baldanza l'hanno resa validissimo e santo strumento nelle mani di Dio. Dovrebbero farla santa!
    Un caro abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  7. Donatella A. R.8 febbraio 2014 22:47

    Carissime, vi farà piacere sapere che da poci mesi è stata avviata ikl processo di beatificazione di suor Blandina in New MexicoSe volete saperne di più mettetevi in contatto con la biblioteca comunale di Cicagna (GE) e mettevi in contatto con Carla Casagrande che vi darà mie notizie. Donatella A.R. studiosa di Sr. Blandina ed autrice di pubblicazioni su di lei.

    RispondiElimina
  8. DONATELLA, grazie dell'informazione.

    RispondiElimina