La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 20 aprile 2012

Resistite fortes in fide

Il 18 aprile la Congregazione per la Dottrina della Fede, su ordine e con l'approvazione di Sua Santità Benedetto XVI, ha reso pubblico un documento del Magistero: trattasi delle conclusioni di un lavoro iniziato nel 2008 sotto la guida del vescovo di Toledo, in Ohio (Stati Uniti) mons. Leonard Blair, il quale ha esaminato le assemblee annuali, le politiche e i documenti della Conferenza delle Superiore, la Leadership Conference of Women Religious (LCWR). Il documento mostra che la situazione delle suore americane è molto preoccupante, in quanto rileva uno stato di insubordinazione gravissimo di queste al Papa e al Magistero e un rifiuto della Dottrina della Chiesa, in tema di morale sessuale, famiglia, matrimonio, aborto, eutanasia, omosessualità, arrivando persino a negare verità di fede bimillenarie, quali la Trinità, la divinità di Cristo, il carattere ispirato della Sacra Scrittura. Nel corso dell'assemblea annuale delle superiore religiose statunitensi del 2007 una delle oratrici principali, la suora e teologa domenicana Laurie Brink, ha affermato che molte suore ormai hanno deciso di andare «al di là della Chiesa» e ora anche «al di là di Gesù», verso un orizzonte di vaga religiosità dove Gesù è un maestro fra tanti altri e «lo spirito del Sacro» vive in tutte le religioni, anzi «in tutta la creazione». Ormai, da molto tempo, le suore americane hanno dismesso l'abito religioso e sono pronte a portare avanti la loro personale battaglia contro il Papa e la Chiesa, che giudicano oscurantista e fuori moda, per promuovere le loro idee sessantottine, progressiste, radical-femministe e scandalose. 

"Attraverso qualche fessura il fumo di Satana è entrato nella Chiesa".
(Sua Santità Papa Paolo VI - 29 giugno 1972 - Festa dei santi Pietro e Paolo, nell'omelia "Resistite fortes in fide" ).
     

2 commenti:

  1. Sono trsacorsi 40 anni dal lontano 1972 quando Paolo VI affermò che " attraverso qualche fessura il fumo di satana è entrato nella Chiesa".
    Padre Amort dice: " Sembra abbia invaso altre stanze, oltre il portone di bronzo" e dopo aver letto ciò che scrivi io dico: non solo non si è fermato ma purtroppo si estende e interessa tutta la Chiesa nel mondo.

    Dobbiamo pregare tanto.

    RispondiElimina
  2. Sì, Adriana, credo proprio che l'unica cosa da fare sia pregare....

    RispondiElimina