La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 18 giugno 2012

Chiara Corbella, la santità (stra) ordinaria

Chiara è tornata fra le braccia del Padre, nella Patria beata del Cielo, mercoledi 13 giugno, a soli 28 anni. Un'altra santa, un altro esempio luminoso di figlia di Dio, di sposa e di madre. Chiara Corbella, una vita semplice, felice, trasparente, con desideri ed aspirazioni come tantissime ragazze. Corona il suo sogno di diventare sposa e madre, unita nella vita di fede al suo Enrico. Subito dopo il matrimonio Chiara aspetta un bambino, ma i primi accertamenti diagnosticano una malformazione gravissima incompatibile con la vita. Chiara decide di portare a termine la gravidanza; nasce Maria che dopo soli 30 minuti e dopo essere stata battezzata, muore. Qualche mese dopo Chiara aspetta un altro bambino: un'altra croce dolorosa; anche questo bimbo è gravemente malformato. Ancora una volta Chiara porta a termine la gravidanza, nasce Davide, che muore poco dopo la nascita. Chiara ed Enrico si aggrappano sempre più alla fede, con un unico desiderio: fare la Volontà del Signore, in qualunque circostanza essa si presenti. Così passano i mesi e Chiara porta dentro di sè un altro dono di vita. Questa volta il bambino è sano e tutto procede al meglio. Ma al quinto mese arriva un'altra prova dolorosa: Chiara ha un tumore. Per non danneggiare il bimbo che porta in grembo, procastina tutte le cure del caso a dopo la sua nascita. Chiara lotta per più di un anno, dopo la nascita di Francesco, si sottopone ad un intervento chirurgico e a cicli di chemio e radioterapia, ma sarà tutto inutile. Il tumore non è stato sconfitto! Chiara ed Enrico in tutto questo tempo non hanno mai perso la serenità abbandonati completamente alla volontà di Dio. Al funerale di sabato 16, giorno del Cuore Immacolato di Maria, frate Vito, che ha seguito spiritualmente Chiara ed il marito, ha detto: "Abbiamo visto morire una donna non solo serena, ma felice.  A questa fede Chiara è arrivata pian piano - ha precisato frate Vito -seguendo la regola appresa ad Assisi dai francescani che tanto amava: piccoli passi possibili. Un modo per affrontare la paura del passato e del futuro di fronte ai grandi eventi, e che insegna a cominciare dalle piccole cose. Noi non possiamo trasformare l’acqua in vino, ma iniziare a riempire le giare. Chiara credeva in questo e ciò l’ha aiutata a vivere una buona vita e quindi una buona morte, passo dopo passo”.

Per vedere l'intervista a Chiara cliccare qui
    

8 commenti:

  1. Shalom Chiara e grazie della tua testimonianza di Vita.
    Gina

    RispondiElimina
  2. Ho visto ieri sera dal sito dell'Avvenire questa storia e te l'avrei segnalata, ma come vedo la conosci già. Bella persona luminosa questa Chiara, ma anche il marito deve essere forte!
    Speriamo che ora dal cielo interceda per tutte quelle situazioni di maternità (o anche di non-maternità) angosciate e difficili.
    Ciao, Francesca (Acquacluster)

    RispondiElimina
  3. GINA: benvenuta e grazie per il tuo commento.

    FRANCESCA: sicuramente Chiara intercederà per tutte le donne e per tutte le situazioni, come tu dici. Ella è modello di fede e fortezza da seguire in ogni circostanza....
    Anch'io credo che il marito sia davvero un uomo straordinario! Preghiamo che il Signore gli doni tanta forza per crescere il figlioletto.

    RispondiElimina
  4. Una bella testimonianza di fede, un'insegnamento al mondo, una persona speciale, vivere secondo la volontà di Dio, è veramente questa la felicità che tanto cerchiamo. E' tra le braccia del Signore e veglia sulla sua famiglia, sul piccolo e sul suo sposo!! Grazie Signore di questo messaggio e grazie Martina perchè contribuisci alla sua divulgazione!! che Dio ti benedica!!!

    RispondiElimina
  5. ANGELO: è davvero importante vivere secondo la Volontà di Dio, anche se potrebbe essere doloroso e portarci per vie che non abbiamo mai pensato di dover percorrere...un abbraccio e che Dio benedica anche te e famiglia.

    RispondiElimina
  6. Conmovedora historia llena de fe y de lucha. Esto nos ayuda a superar los malos momentos de la vida. Un beso,Martina.

    RispondiElimina
  7. Que preciosidad de testimonio !!
    Martina...mi telefono movil es el 928228300....asi me encontraras mejor que yo a ti....un abrazo fuerrte.
    Estaremos en Roma el Miercoles al mediodia y estaremos hasta el domingo....otro beso

    RispondiElimina
  8. AMALIA: è una storia molto commovente, piena di tenerezza e di luce...
    Un abbraccio

    GOSSPI: tomo nota....un beso...

    RispondiElimina