La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 5 giugno 2012

Fuoco e fiamme a Fossano


Qualche giorno fa i magazzini della fabbrica COLUSSI qui a Fossano sono andati in fiamme! Io abito a circa un chilometro in linea d'aria dallo stabilimento e ho potuto fotografare l'evento. E' stato un via vai di sirene, vigili del fuoco, carabinieri, ambulanze. Grazie a Dio lo stabilimento era vuoto per la festività del 2 giugno (in questo caso la Repubblica ha reso un grandissimo servizio alla società civile!)e quindi non ci sono stati morti nè feriti. La fabbrica, ex AUDISIO, produce pasta e fette biscottate per la BARILLA, ha 200 operai che per i prossimi mesi resteranno a casa in cassa integrazione. I danni sono ingenti, le prime stime parlano di 20 milioni di euro. 

Fossano sta pagando un tributo troppo oneroso alla crisi economica: fabbriche chiuse, operai licenziati. Eppure questa è una delle zone più industrializzate del nord Italia: nei dintorni sorgono: la Maina, la Balocco, la Michelin, la Saint Gobain, la Alstom e tante altre piccole realtà industriali, agricole e zootecniche a conduzione familiare che rendono ricca questa zona. Il disastro della COLUSSI ci ha riportato alla memoria quello del 16 luglio 2007 successo al MOLINO CORDERO in pieno centro città, nella cui esplosione persero la vita 5 operai.

(foto studio Nottetempo di Fossano)
  
  

4 commenti:

  1. Che disastro, è strano come in tempo di crisi si susseguano le sciagure a ripetizione, il problema è che se molla chi traina questo paese.......non abbiamo scampo.
    Che il Signore ci aiuti!!!

    RispondiElimina
  2. "Fossano sta pagando un tributo troppo oneroso alla crisi economica ..."
    E staremo a vedere che contributo pagheremo in Emilia, alla crisi economica congiunta ai terremoti e alla cronica crisi politica e amministrativa. Mi spiace molto per i lavoratori di Fossano, e mi preoccupa la situazione della bassa Emiliana che è sempre stato un altro dei traini storici dell'economia italiana. Che davvero il Signore ci aiuti, ma che anche i governi facciano un bell'esame di coscienza!!!

    RispondiElimina
  3. Estas situaciones te llenan de tristeza. La crisis está creando un ambiente de depresión y poco aliciente.Habrá que tener esperanza y pensar que todo se vaya resolviendo poco a poco. No olvidar a estas pobres personas que pierden su trabajo. Un beso grande.

    RispondiElimina
  4. ANGELO: hai ragione, sono una vera stranezza le sciagure in questi tempi di crisi. Qualcuno ha anche ipotizzato che l'incendio sia di natura doloso.....che il Signore ci aiuti davvero! Un abbraccio

    ACQUACLUSTER: hai ragione anche tu! Non si salva nessuno dalla mano ingiusta e pesante dei nostri governi.....Un caro abbraccio

    AMALIA: è vero la crisi crea tristezza e depressione. Qui in Italia ci sono tanti suicidi per questo motivo. Speriamo davvero che tutto si risolva e nessuno perda più la speranza, la vita ed il lavoro.... Un grande abbraccio

    RispondiElimina