La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 20 novembre 2012

Un raggio dell'amore di Dio


Il Santo Padre Benedetto XVI lunedi 12 ha visitato gli anziani della Casa Famiglia al Gianicolo di Roma, gestita dalla Comunità Sant'Egidio. Una visita molto speciale, di un anziano tra gli anziani che esorta ad essere, nonostante l'età e gli acciacchi, 'un raggio dell'amore di Dio'. Conscio delle difficoltà che la terza età comporta, invita a 'non farsi mai imprigionare dalla tristezza', anche quando riaffiorano i ricordi del passato e l'idea che questo sia 'il tempo del tramonto'. Il Santo padre dice "è bello essere anziani", nonostante le limitazioni, le malattie, la crisi economica, l'allontanamento dagli affetti e dalla propria casa, l'emarginazione, la solitudine, una società dominata dalla logica dell'efficienza e del profitto, perchè "in ogni età bisogna saper scoprire la presenza e la benedizione del Signore e le ricchezze che essa contiene".   
Il messaggio del Santo Padre è colmo di speranza e di gratitudine. Egli è convinto del grande valore che ogni essere umano ha impresso nel cuore, dal concepimento fino alla morte, nelle varie stagioni della vita. La terza età, secondo il Papa, è una ricchezza per la società e soprattutto per i giovani: "Chi fa spazio agli anziani fa spazio alla vita! Chi accoglie gli anziani accoglie la vita!", e prosegue: "La qualità di una società, di una civiltà si giudica da come gli anziani sono trattati e dal posto loro riservato nel vivere comune", in quanto la stessa esistenza degli anziani " è come un libro aperto nel quale le giovani generazioni possono trovare preziose indicazioni per il cammino della vita".
Il Santo padre ha affidato agli anziani il compito di approndire il rapporto con Dio e di pregare per la Chiesa e per il mondo: "Diventate intercessori presso Dio, pregando con fede e con costanza. Pregate per la Chiesa, anche per me, per i bisogni del mondo, per i poveri, perché nel mondo non ci sia più violenza. La preghiera degli anziani può proteggere il mondo, aiutandolo forse in modo più incisivo che l'affannarsi di tanti. Vorrei affidare oggi alla vostra preghiera il bene della Chiesa e la pace del mondo"."Sentitevi amati da Dio e sappiate portare in questa nostra società, spesso così individualista ed efficientista un raggio dell’amore di Dio. E Dio sarà sempre con voi e con quanti vi sostengono con il loro affetto e con il loro aiuto".
 
liberamente tratto da qui

7 commenti:

  1. Io sono una anziana triste e con tanti acciacchi ma ciò che mi aiuta, mi salva è la fede e la speranza cristiana. Il Santo Padre dice di essere " Un raggio dell'amore di Dio"
    e non lasciarsi imprigionare dalla tristezza quando riaffiorano i ricordi del passato.
    Con la preghiera possiamo fare anche "noi vecchiotti" ancora tanto bene alla Chiesa e all'umanità.
    Ci uniamo al Papa e per il Papa.

    RispondiElimina
  2. ADRIANA, dai che ancora hai tantissime energie da spendere per il Signore e per tutti noi che ti vogliamo un mondo di bene!!!!!!
    E tu sei indispensabile, specialmente ai tuoi bambini e ragazzi del catechismo.

    RispondiElimina
  3. Grazie cara, grazie con tutto il cuore per la forza e il coraggio che mi dai e per il bene che mi volete. Anch'io ve ne voglio.

    RispondiElimina
  4. Ogni giorno mi rendo conto sempre di più che solo negli anziani, possiamo aver fiducia, non mentono. Hanno imparato le lezioni della vita.
    Io amo il sorgere del sole, ma ... Che ne dici del tramonto?

    RispondiElimina
  5. ANGELO, una vita dedicata al Signore è vita piena di saggezza e di amore, pronta ad immergersi nella vita che non muore. E' come il tramonto, stupendo momento della giornata che raccoglie in sè tutta la luce del giorno trascorso, per custodirla nell'attesa del nuovo giorno. Il tramonto è pieno di silenziosa, dolce e trepidante attesa....

    RispondiElimina
  6. Los ancianos transmiten sabiduría y siempre se aprende mucho de ellos.

    Merecen nuestra atención y respeto y prodigarles nuestro cariño.

    Un beso muy grande.

    RispondiElimina
  7. AMALIA, sono d'accordo con te in tutto! Un grande abbraccio

    RispondiElimina