La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 18 gennaio 2013

Udienze generali del Santo Padre

Il Santo Padre ha proclamato il 2013 l'anno della fede e nelle ultime catechesi, svolte il mercoledì, in occasione delle udienze generali, sono contenute importanti riflessioni riguardo la fede. Il Papa intende aiutare tutti i fedeli a saper accogliere, vivere e testimoniare la bellezza e la ricchezza della fede cattolica. Egli ha parlato dell'uomo, il quale deve rientrare in se stesso e cercare la verità, della creazione come specchio della bellezza divina e della fede come via per mostrare al mondo intero l'esistenza di Dio. Credo che le riflessioni del Papa siano talmente importanti e veritiere da non poter fare a meno di interiorizzarle per cercare di metterle in pratica. Dobbiamo riscoprire la bellezza dell'essere umano, del creato e della fede. Nella società in cui viviamo dove i capisaldi della legge naturale sono stati sovvertiti, dove le idee sono cambiate a servizio dell'egoismo umano e dove le ideologie perverse dominano sul buonsenso, credo sia importante e di vitale necessità riscoprire la Signoria di Dio sull'intera creazione che porta la sua impronta. Rifiutare la presenza del Signore nella storia porterà l'uomo all'imbarbarimento e all'abbruttimento. Purtroppo questa strada la stiamo già percorrendo e vivendo come se Dio non esistesse, abbiamo costruito una società cinica, depressa, disperata, frenetica, al limite della sopportazione, stressata, immorale, atea, idolatra, ingiusta, intollerante, secolarizzata, relativista, ed estremamente egoista. L'aborto, il divorzio, l'eutanasia, i matrimoni tra omosessuali, l'immoralità, non nascono forse dal modo distorto di porsi davanti alla vita e a Dio?    

6 commenti:

  1. Carissima,
    Gesù dice"..Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, omicidi, adulteri......Mc 7,14-23
    Solo in Dio vi è salvezza. La sua legge è l'amore. Quando ci dimentichiamo di essere suoi figli, quando distorciamo tutto a nostro piacere, l'egoismo perversa e succede ciò di cui noi siamo testimoni- una socetà disumana,
    un impoverimento dei valori una non fede.

    RispondiElimina
  2. ADRIANA, dal di dentro, nascono anche i buoni propositi e le virtù se lasciamo entrare Gesù. Tutto dipende da chi lasciamo abitare il nostro cuore. Solo il Signore ci dona santità e salvezza, solo Lui è la misura del nostro vivere. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Estamos ante una sociedad llena de frivolidad en la que, desgraciadamente, parece que todo está permitido.

    Dios nos ayude.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  4. AMALIA, hai ragione. La nostra società vive facendo a meno di Dio e questi sono i risultati. Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  5. Hay que empezar a cambiarlo todo. Primer objetivo de cambio: ¡yo mismo!

    RispondiElimina
  6. RAFAEL, ogni viaggio parte da vicino.......

    RispondiElimina