La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 14 marzo 2013

I pilastri della Quaresima

Preghiera, digiuno, penitenza, elemosina: sembrano atti di altri tempi eppure dall'inizio della storia del rapporto tra Dio e l'uomo, essi sono atti fondanti la vita spirituale e sociale dell'intera umana società. Ogni religione ed ogni cultura pone una certa attenzione a questi gesti che non sono solamente di pertinenza confessionale ma diventano regole di civiltà e di buona educazione, per ogni essere umano di buona volontà.  Ogni atto buono si ripercuote positivamente sull'intera famiglia umana e costruisce nella giustizia  e nella verità la società dell'amore.  Nessuna confessione religiosa, però, riveste questi gesti di carattere profondamente spirituale e soprattutto salvifico come invece fa la Santa Chiesa Cattolica che è depositaria del messaggio di redenzione che le viene donato direttamente dal Signore. Per il cattolico la preghiera, il digiuno, la penitenza, l'elemosina diventano atti dal carattere mistico, inscritti nell'economia della salvezza, esercizio di umanità di ampio respiro che abbraccia l'intera creazione. Ogni credente diventa parte attiva e consapevole del progetto divino di rendere fratelli tutti gli esseri umani; chi prega, digiuna, si mortifica e fa l'elemosina diventa corpo forgiato, plasmato nel Corpo intero della Chiesa, uno con il suo Signore, uno con il Suo Mistico Sposo, uno con i fratelli; espia per sé e per i peccati del mondo intero, chiede, ringrazia, loda e ama per sé e per il mondo intero.      

4 commenti:

  1. Benedetto XVI disse: "La preghiera, il digiuno, e le opere di misericordia rappresentano la struttura portante della vita spirituale del cristiano".
    Quanto bisogno abbiamo di aumentare la spiritualità
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ADRIANA, credo che senza queste strutture spirituali e sociali il cristiano cesserebbe di essere tale. Grazie per la tua presenza ed il tuo prezioso contributo. Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  3. Es un buen momento para tratar de ser generosos, humanos y acercarnos un poquito más a la espiritualidad.

    Lindo mensaje.

    Un beso grande y feliz fin de semana.

    RispondiElimina
  4. AMALIA, è vero questo è il momento più propizio. Auguro anche a te un buon fine settimana e ti mando un grande abbraccio

    RispondiElimina