La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 18 aprile 2013

Lucida follia

Continuo sulla scia del post di ieri perché in questi giorni si sta facendo sempre più pressante la follia di chi continua a scivolare nel baratro della sconsideratezza. Mi preoccupano i primi tre disegni di legge che il M5Stelle ha intenzione di presentare in Parlamento. Il primo riguarda la modifica del Codice Civile per consentire l’accesso al matrimonio a coppie dello stesso sesso, ed il riconoscimento dei figli di coppie omosessuali anche quando il concepimento avviene mediante il ricorso a tecniche di riproduzione medicalmente assistita, inclusa la maternità surrogata. Il secondo ed il terzo disegno di legge riguardano, invece, il contrasto all’omofobia e alla transfobia, e le modificazioni di attribuzione di sesso.
Se questo è lo scenario che ci attende nel prossimo futuro in Italia, dovremo chiederci se a seguito di qualche improvvido intervento legislativo, sarà ancora possibile per un cattolico sostenere – senza per questo essere tacciato di omofobia- che l'atto omosessuale è un atto intrinsecamente disordinato, una depravazione, insomma, un peccato contro natura? Proprio come dice la Sacra Scrittura:
Genesi 19,1-29; Lettera ai Romani 1,24-27; Prima Lettera ai  Corinzi 6,9-10; Prima Lettera a Timoteo 1,10.
San Paolo nella prima Lettera ai Corinzi scrive: "O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il Regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effemminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il Regno di Dio".
Mi chiedo se succederà anche qui, tra i politici di casa nostra, ciò che è successo in Ecuador Nelson Zavala, già candidato Presidente della Repubblica ecuadoregna alle scorse elezioni politiche, che è stato giudicato “omofobo” dalla giustizia del suo Paese, e conseguentemente condannato al pagamento di una multa di 3.180 dollari, nonché alla sospensione dei diritti politici per un anno. Nelson Zavala, che è  un cristiano praticante, nel corso della sua campagna elettorale ha osato definire l’omosessualità «immorale ed una grave deviazione di comportamento». Definendo gli omosessuali «peccatori». Il giudice Patricia Baca Mancheno ha ravvisato in queste parole una palese violazione del codice elettorale ecuadoregno, il quale espressamente proibisce ai candidati di esternare «pubbliche affermazioni e opinioni che possano apparire discriminatorie o offensive della dignità delle persone», o di utilizzare «simboli, espressioni o allusioni di carattere religioso». Non credo che ci sia questo reale pericolo, nessuno dei nostri politici, fino ad ora, ha osato essere pubblicamente ed apertamente politicamente scorretto come Nelson Zavala!    

6 commenti:

  1. Se leviamo soltanto per momento gli occhi da Cristo, sarebbe da impazzire. Ma basterebbe soltanto un po' di buon senso per gridare un "Basta" tutti insieme. Eppure non si può fare.
    Era studiato a tavolino alla perfezione, la lenta ma inesorabile distruzione dell'umanità. Se si riesce a togliere Dio, o meglio Cristo dalle coscienze, eliminare i segni visibili della Sua presenza, allora è fatta. I valori cristiani si trasformano in ombre umane, come la bontà che diventa buonismo, la carità si traduce in tolleranza, bisognava soltanto attendere con pazienza affinché l'uomo si auto-eliminasse.
    In relativamente poco tempo sono crollati i riferimenti per una vita vivibile. Stiamo vivendo in una grande prigione e ci sono le leggi ad hoc per proibirci di protestare.
    Davvero, senza Dio, se un giorno qualcuno si rendesse conto della situazione, sarebbe da spararsi.
    Che grande dolore!

    RispondiElimina
  2. CIAO KARIN, che bello leggerti qui! Come hai ragione! Satana studia il modo di distruggere l'opera di Dio fin dal principio della sua disobbedienza; in questi tempi ci sta riuscendo meglio che in altri. Riusciremo a dire basta e tornare a Cristo nostro Salvatore? Credo che neanche le leggi potrebbero fare molto se tutti, uniti, insieme, facessimo sentire la nostra voce, incuranti delle persecuzioni e del carcere. Useranno le armi e la repressione come successe in Messico con le leggi inique di Calles? O in Vandea? Chissà quale sarà il nostro futuro (non tanto lontano) di cattolici fedeli alla Chiesa di Cristo???????
    GRAZIE PER ESSERE PASSATA DI QUI......Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. Che tristezza.......mi chiedo se quel 25% degli italiani che lo hanno votato si rendono conto e conoscono la vera faccia della medaglia....Satana ha mille volti e tutti molto affascinanti!! è l'ennesima prova.

    RispondiElimina
  4. ANGELO, io credo che gli elettori di Grillo non conoscano affatto il movimento. Sì, Satana sta agendo a suo modo.....

    RispondiElimina
  5. Hay una gran inestabilidad política.

    Se van perdiendo todos los valores.

    Un beso grande, Martina.

    RispondiElimina
  6. AMALIA, purtroppo la situazione va peggiorando sempre più. Un abbraccio

    RispondiElimina