La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




mercoledì 24 luglio 2013

Una, dieci, cento ragioni......

Ci sono tante ragioni per opporsi alla proposta di legge in materia di contrasto dell'omofobia e della transfobia.
 
 All’art.1 della proposta di legge  viene introdotta la definizione di identità di genere che secondo la teoria del gender si definisce come la percezione che una persona ha di sé e del proprio sesso anche se opposto a quello biologico.
La volontà individuale finisce per prevalere sulla realtà oggettiva derivante dalla natura. E' il pensiero soggettivo che diventa capace di determinare ciò che si vuole essere. Siamo all'affermazione dell’ideologia del relativismo.
 
 Altro punto pericoloso è quello relativo alla punibilità con la «reclusione fino ad un anno e sei mesi» di chi «incita a commettere o commette atti di discriminazione motivati dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere della vittima » e con  pene accessorie, ed in particolare l' «attività non retribuita in favore della collettività da svolgersi al termine dell’espiazione della pena detentiva per un periodo da sei mesi a un anno» «in favore delle associazioni a delle persone omosessuali». Siamo alla rieducazione culturale di stampo maoista.
La punibilità aumenta fino a sei anni per coloro che promuovono o dirigono organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi aventi  tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione, e questo attraverso la modifica del terzo comma dell’articolo 3 della legge 13 ottobre 1975, n. 654.
Qui sono davvero in pericolo la libertà religiosa e di espressione del pensiero (tutelate rispettivamente dagli art. 19 e 21 della Costituzione italiana).
Inserire l'orientamento sessuale tra i diritti umani fondamentali da tutelare e non discriminare corrisponderebbe a definire l'omosessualità un valore, una fonte positiva di diritti umani, ma, dal momento che l'omosessualità non risulta essere un valore è chiaro che non vi è un diritto all’omosessualità e che pertanto tale condizione non dovrebbe costituire la base per rivendicazioni giudiziali.
 Le norme che si intendono approvare rispondono ad una mera prospettiva ideologica, del tutto inutile sul piano legale, godendo gli omosessuali degli strumenti giuridici previsti dal codice penale per i tutti i cittadini, contro qualunque forma di ingiusta discriminazione, di violenza, di offesa alla propria dignità personale. La Costituzione italiana all’art 3, sostiene che «tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali».
 
Perché introdurre nella legislazione il reato di omofobia, creando una specie protetta, degli intoccabili? Essa non è una priorità, è una norma ideologica che permetterebbe ad una minoranza di discriminare una maggioranza, togliendole il diritto di esprimere il proprio pensiero!
E' una legge ingiusta, anticostituzionale e che introdurrebbe il reato di opinione!


2 commenti:

  1. Tutto ciò è veramente assurdo, stanno cercando di creare una sorta di razza eletta, intoccabile, io penso che se questa legge passasse l'odio su queste persone aumenterebbe a dismisura, anche chi come me ha sempre ignorato questo genere di cose se non per scherzare, comincerebbe a fare qualche pensierino malsano! mi chiedo, perché nella storia l'uomo deve sempre rovinare ciò che Dio a creato con tanto amore e tanta perfezione???

    RispondiElimina
  2. ANGELO, è davvero assurdo, hai ragione! il clima che si creerebbe sarebbe di sospetto e di paura....ogni screzio con una di queste persone potrebbe farci passare i guai (leggi galera!). Basterebbe il minimo sospetto di 'omofobia' per cominciare un calvario giudiziario. Immagina gli omosessuali che per ogni minima sciocchezza potrebbero denunciare chiunque gli sta antipatico, con la scusa dell'omofobia....Verrà data loro in mano un'arma micidiale! Il Signore ci liberi da tutto ciò!

    RispondiElimina