La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 18 novembre 2013

Offese al Santo Padre

Il caro ed amato volto di Papa Benedetto XVI, trasformato, con rossetto ed ombretto, in un pagliaccio da 'gay pride' ritoccato con osceni trucchi da travestito, compare su una locandina che pubblicizza un Cineforum sull' argomento “omosessualità e religione” organizzato da studenti omosessuali dell'università statale di Milano. Si tratta di oltraggio alla religione ed al Santo Padre. Si tratta di odio e desiderio di vendetta nei confronti del Santo Padre Benedetto XVI che, con i suoi continui (e inascoltati) appelli ai valori non negoziabili, alla salute di anima e corpo, al rispetto della legge naturale, resta il simbolo di quella Fede cattolica tanto odiata ed osteggiata perché in totale contrapposizione con le scandalose voglie libidinose che, in questo periodo di follia collettiva, si vogliono presentare e promuovere come normali. Simili scempiaggini non si possono più tollerare! Sono giorni e giorni che leggo (tante testate cattoliche on-line ne hanno scritto e riscritto) e rimugino questa notizia. Provo rabbia, tristezza, compassione.  Non oso pubblicare la foto (che potrete vedere qui) per non dare visibilità a tanta sfrontatezza ed in totale rispetto verso il Santo Padre al quale vanno le mie scuse per coloro che lo offendono e la mia totale fedeltà alla sua persona ed al suo santo e dotto Magistero. Credo che la cristianofobia dilagante in tutta l'Europa, purtroppo non venga ostacolata a sufficienza, anzi subita e forse tollerata ed alimentata. E' in atto una vera e propria campagna diffamatoria, offensiva e discriminatoria nei confronti dei cattolici e di coloro che non si lasciano piegare dalla mentalità gayfriendly imperante e dilagante. La legge contro l'omofobia non è ancora stata approvata ma comincia a dare i suoi frutti con la legittimazione di simili iniziative statali che a loro volta servono da trampolino di lancio per dare libero sfogo a qualunque atto di intolleranza verso coloro che vengono definiti intolleranti ed omofobi. Ma qui i veri intolleranti chi sono? I veri discriminati chi sono?     

6 commenti:

  1. Quando penso a chi può aver fatto un'offesa simile a Benedetto XVI, ricordo che qui da noi - non so nelle tue zone - si usa un proverbio, che dice circa così "La madre degli stupidi è sempre incinta".

    RispondiElimina
  2. Oh sì, si dice anche dalle mie parti! Io non ho parole........

    RispondiElimina
  3. Estoy totalmente de acuerdo, Martina. Se trata de una triste muestra de la cristianofobia que impera en Europa.

    RispondiElimina
  4. Mi fa tanto male anche solo pensare ad un vilipendio simile.
    Come si può sbeffeggiare il sorriso del Padre buono, il suo tenero viso. Penso che anche un non credente possa provare sconcerto di fronte a tanta leggerezza e cattiveria.

    RispondiElimina
  5. Es una ofensa totalmente improcedente.

    Realmente triste.

    Un beso, Martina.

    RispondiElimina
  6. ELIGELAVIDA, purtroppo la cristianofobia ha raggiunto una sfacciataggine tale da poter commettere ogni reato impunemente.

    ADRIANA, ormai non c'è più rispetto per nessuno. Lo dovremo soltanto alla minoranza che con arroganza e violenza ci costringe a sottostare all'ideologia di turno. Che tristezza!

    AMALIA, queste offese al Santo Padre ne ricordano altre delle quali la storia d'Italia si è macchiata; per esempio durante la rivoluzione francese o nel risorgimento i Papi hanno dovuto soffrire molto per la prigionia e le ingiurie. La storia si ripete!

    RispondiElimina