La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 17 marzo 2014

Il silenzio dell'acqua

Ho potuto sperimentare, più di una volta, una sensazione alquanto singolare e piacevole, soprattutto nei luoghi della terra privilegiati dal Signore. La prima volta in assoluto mi è capitata a Lourdes, quando mi sono recata in pellegrinaggio, nel maggio del 2006. Sto parlando della sensazione del tempo che si ferma, anzi del tempo senza tempo, del tempo che non è più tempo.....ma che continua ad esistere e a scorrere, in perfetto silenzio, come l'acqua del fiume Gave.
Lourdes è una ridente cittadina ai piedi dei Pirenei, lambita dalle acque del fiume Gave e luogo di apparizioni della Vergine Maria, dal lontano 11 febbraio 1858, ad una fanciulla di nome Bernadette. L'acqua a Lourdes ha una valenza mistica: guarisce il corpo e l'anima. L'acqua di Lourdes è stata benedetta dalla Madonna e continua ad essere segno della sua presenza e della potenza santificatrice del Signore. Tutti a Lourdes, una volta arrivati alla grotta, sentono il bisogno di abbeverarsi alle fonti di acqua che sbucano dal muro che porta alla grotta. Tutti, tutti indistintamente andiamo all'acqua, beviamo, ci immergiamo totalmente nelle vasche, sentendo il richiamo della purezza che l'acqua ci può donare: la salute dell'anima e del corpo. L'acqua è segno di vita, è elemento universale di vita e ci riporta all'essenziale, al punto d'unione tra la nostra vita di peccato e quella santa e pura di Dio; ci riporta al desiderio cocente dell'anima di ritornare immacolata, all'origine, nella notte dei Tempi, nel giardino dell'Eden, allo stato di amicizia tra Dio Creatore e l'Uomo creatura. A Lourdes questo stato, alimentato dal desiderio di una guarigione, pare che si possa compiere! Qui l'acqua davvero ha la capacità di riportarci alla santità primordiale, a gustare nuovamente l'amicizia di Dio, a ridarci la vita nel corpo e nello spirito, se solo si ha la volontà di ritornare, con il sacramento della riconciliazione, a Dio. Solo così il Signore opererà un miracolo nella nostra vita: il miracolo che ci serve! Non per nulla Lourdes è luogo dove il pellegrino può accostarsi alla fonte del perdono in ogni momento lo desideri. L'acqua completerà il percorso di immersione in Dio e nella sua misericordia. A Lourdes Dio parla attraverso il silenzioso scorrere del fiume. Ciò mi ha stupita e rapita: l'acqua del Gave, passando davanti la grotta  di Massabielle, il luogo benedetto dall'apparizione, fluisce silenziosa, misteriosamente silenziosa e questo silenzio, pare faccia fermare il tempo, nonostante gli occhi percepiscano il continuo movimento verso avanti dell'acqua. Un silenzio che afferra l'anima, la fa gioire, la rapisce nel profondo. Un silenzio che immerge nell'Eterno, nell'eternità, nel Mistero, nel mistico abbraccio di Dio. Un silenzio molto eloquente, che va dritto al cuore, proprio come le parole sussurrate da Dio e trasportate dall'acqua.........    

8 commenti:

  1. Hace unos años, estuve en Lourdes y nunca podré olvidarlo.

    Impresionante de verdad.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  2. Ho provato anche io queste sensazioni. Il silenzio che nutre l'anima. In quel silenzio sentivo e vedevo la sofferenza umana in ginocchio davanti a Maria. Persone con la speranza negli occhi, richieste di salvezza. In quel silenzio, un assordante brusio di preghiere, e li accanto un torrente che scorre impetuoso che quando arriva ai piedi di Maria all'improvviso tace, quasi si fermasse a pregare. La più sconvolgente esperienza spirituale della mia vita. Un luogo ideale per mandare in vacanza la nostra anima. Sarebbe bello andarci almeno una volta all'anno. Peccato sia così lontano!!!...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. AMALIA, sono contenta che anche tu abbia fatto l'esperienza di Lourdes. E' vero, resta indimenticabile! Un abbraccio

    ANGELO, anche tu te ne sei accorto? Io sono stata davvero colpita dal silenzio del fiume davanti la grotta, per me un mistero, che si può spiegare solo credendo nella presenza di Maria. Hai ragione, bisognerebbe andarci spesso. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. ¡Cómo me gustaría volver a Lourdes! Tienes mucha razón Martina. Es preciso peregrinar, es decir, ir con un anhelo de encontrar al Señor a través de nuestra madre, que allí se manifiesta de una forma especial.

    Un abrazo!!

    RispondiElimina
  5. Necesitamos más silencio. Estamos rodeados de ruido por todas partes.

    Un poco de sosiego.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ELIGELAVIDA, dovrai andarci almeno una volta nella vita: Lourdes è un posto molto speciale. Un abbraccio

    RAFAEL, credo che fare silenzio in noi ed attorno a noi sia necessario come mangiare o dormire. Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Carissima, tu sai quanto io e Vittore anelavamo ritornare sempre a Lourdes.
    L'acqua del "Gave de Pau" ha parecchie sorgenti e una di queste è quella di Loudes.E'questa che la fa diventare acqua viva come quella del pozzo di Giacobbe. Il fiume scorre con il tempo in un silenzioso passato,preaente e futuro. A Lourdes si ritrova ciò che era perduto: la spiritualità, la grazia di Dio, a volte la salute ma soprattutto la pace e la serenità
    Un grosso bacio

    RispondiElimina
  8. ADRIANA, è vero, guardando scorrere quelle acque hai proprio la percezione che vi scorra il passato, il presente ed il futuro. Un grande abbraccio

    RispondiElimina