La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 25 marzo 2014

Spalancate le porte!

Aprite le porte a Cristo! Riecheggia ancora nel mio cuore l'accorato appello del beato Papa Giovanni Paolo II ed in modo particolare oggi, che la Santa Chiesa saluta la Santa Madre di Dio, nel giorno in cui ella disse il suo fiat al Signore, che desidera prendere forma umana per la salvezza del mondo intero. L'incarnazione di Dio, che da Creatore si fa Creatura e Redentore, presuppone un consenso ed un'apertura. La Vergine Maria acconsentì a donare il suo corpo e la sua anima. Il suo 'sì' incondizionato mostra al mondo intero il modo nuovo e liberante di parlare con Dio: non più solo ed esclusivamente attraverso le Leggi, i Patriarchi ed i profeti, ma anche e soprattutto attraverso l'amore e la donazione di sé. E' un modo nuovo che permette alla creatura di vivere in novità di vita, immersa totalmente nel Mistero Divino, a tu per tu con l'Amato, con la consapevolezza di poterLo accogliere ed incontrare dentro di sé, nel cuore e nell'anima, nel segreto del mistero umano. Con l'Incarnazione inizia l'era dell'incontro con Dio in modo diretto e totalizzante: nessuno può esimersi dal desiderio di questo incontro. Nessuno è escluso. Nessuno è impossibilitato. Nessuno si senta escluso e nessuno si senta impossibilitato.
 
Il cammino potrebbe essere lungo e faticoso ma il nostro 'sì' dovrà risuonare immediato e persistente. La Santa Vergine è la misura del nostro impegno ad accogliere il Suo Gesù. Ella ci guida e ci insegna la lunga e faticosa strada della fedeltà e dell'amore incondizionato a Colui che ogni giorno bussa alla porta del nostro cuore, per l'impazienza di prendere dimora in noi.             

6 commenti:

  1. Bello....
    Quando abbiamo aperto le porte, tutto si rinnova, l'aria è fresca, la luce entra e si può pulire la polvere accumulata. Apriamo la porta al Signore che chiama!
    Sempre!

    RispondiElimina
  2. Anche dentro di me risuona ancora la voce forte, potente di Papa Giovanni Paolo II, Quante volte lo ricordo ai miei ragazzi più grandi di catechismo."Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte le a Cristo"
    Seguiamo Maria che ha aperto la porta del suo cuore, della sua anima a Gesù e non abbiamo mai paura, Lui è con noi sempre.

    RispondiElimina
  3. Siempre abrir las puertas de nuestro corazón.

    Gracias, Martina.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  4. ANGELO, è tempo di fare le pulizie di primavera! Non per niente la Quaresima ci spinge in questo senso e quando arriva la Pasqua tutto è già pulito.

    ADRIANA, i ragazzi sono più passibili di grandi entusiasmi quindi chi meglio di loro potrebbe spalancare le porte a Gesù?

    AMALIA, a volte con tutta la buona volontà non sembra di fare fatica ad accogliere?

    RispondiElimina
  5. Nice to meet you.Visiting your blog has been a pleasure and reading your words a present...
    Love

    RispondiElimina
  6. Princesa Nadie, nice to meet you too, in my blog. Thank you.....
    Take care

    RispondiElimina