La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 3 marzo 2014

Umanità non sostenibile

Da molti anni a questa parte le parole chiave in tema di ambiente, economia, società, istituzioni, politica, tecnologia, sono SVILUPPO SOSTENIBILE e SOSTENIBILITA'.  La definizione oggi ampiamente condivisa di sviluppo sostenibile è quella in cui esso viene definito un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico e i cambiamenti istituzionali siano resi coerenti con i bisogni futuri oltre che con gli attuali. Tale processo lega, in un rapporto di interdipendenza, la tutela e la valorizzazione delle risorse naturali alla dimensione economica, sociale ed istituzionale, al fine di soddisfare i bisogni delle attuali generazioni, evitando di compromettere la capacità delle future di soddisfare i propri. In questo senso la sostenibilità dello sviluppo è incompatibile in primo luogo con il degrado del patrimonio e delle risorse  naturali ma anche con la violazione della dignità e della libertà umane, con la povertà ed il declino economico, con il mancato riconoscimento dei diritti e delle pari opportunità.

Potrebbe sembrare un bel programma a tutela dell'essere umano e del mondo in cui vive, invece tale ideologia sta portando l'intera umanità verso il baratro, concentrata sull' obiettivo di preservare la natura dall'opera nefasta dell'uomo e rendere quest'ultimo schiavo della propria delirante mania di ergersi a padrone della vita. Infatti l'ideologia che alimenta la teoria dello sviluppo sostenibile ha portato l'umana famiglia a sostenere l'aborto, la contraccezione, la fecondazione in vitro, l'eutanasia dei vecchi e dei bambini ammalati, le unioni gay con relative adozioni, gli uteri in affitto, la campagna di aborto e sterilizzazione di massa nei Paesi in via di sviluppo, l'eugenetica, la politica del figlio unico, la soppressione degli embrioni di sesso femminile: un iter che minaccia seriamente la dignità e la vita degli esseri umani soprattutto dei più deboli.
Tutto questo per dirvi che il Parlamento inglese ha presentato una proposta di legge che ha come scopo quello di togliere o limitare l’assistenza sanitaria alle persone anziane perchè hanno vissuto già abbastanza ed hanno ricevuto cure più adeguate nel corso della loro esistenza e perché  continuare a prendersi cura di loro con medicinali e visite mediche sarebbe uno sperpero di denaro pubblico. A conti fatti meglio l’abbandono terapeutico quando l’anziano non è più “un beneficio per la società più ampia” – così si legge nella bozza - perché non solo non è più in grado di produrre, ma addirittura consuma risorse a scapito delle generazioni più giovani che hanno invece tutto il diritto di godersi ancora la vita. I parlamentari della suddetta proposta hanno preso spunto dal pensiero del giurista e filosofo inglese Jeremy Bentham (1748-1832) il quale affermava che occorre perseguire la «massima felicità per il massimo numero di persone», anche a costo di sacrificare sull’altare del beneficio di molti la “felicità” di alcuni.

Di fatto, se tale proposta venisse accettata si realizzerebbe l'eugenetica di Stato, promossa per motivi di bilancio, che trasformerebbe la persona anziana e malata in un rifiuto da rottamare, un'umanità non più sostenibile, non più ecocompatibile con le casse statali. Nuove frontiere dell'eugenetica che hanno lasciato i dittatori passati e presenti indietro di millenni! I politici inglesi (e tutti i ricchi) anche se ultrasettantenni e malati potranno dormire sonni tranquilli non saranno loro a doversi preoccupare, tra il tempo perso a far finta di governare gli Inglesi e quello di spremersi le meningi per partorire simili scelleratezze, hanno avuto il modo di gonfiarsi il portafoglio, a scanso di ogni equivoco.........
per tutti gli altri: vietato invecchiare ed ammalarsi!
Uomo avvisato.....mezzo salvato!

5 commenti:

  1. Es terrible Martina. Quieren imponernos un Nuevo Orden Mundial. Mucha gente cree en estos malos presagios, o los utiliza para justificar prácticas como el aborto o la eutanasia.

    Lo importante es no cansarnos de denunciar estos hechos. Un abrazo!

    RispondiElimina
  2. La verdad es que es absolutamente lamentable.

    Es muy bueno tu texto. Hay muchas cosas que tienen difícil justificación.

    Me alegra lo expongas de una manera tan excelente.

    Un beso muy grande.

    RispondiElimina
  3. ELIGELAVIDA, spero di riuscire sempre a denunciare queste aberrazioni con la forza della fede e dell'amore. Un abbraccio

    AMALIA, grazie! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. En el fondo es un "desarrollo (personal) sostenible" para quien se lo puede pagar...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. RAFAEL, sì, sì, è vero. Solo chi ha denaro a sufficienza può campare cent'anni ed anche più, non ha difficoltà a comprarsi le medicine se malato!
    Un abbraccio anche a te

    RispondiElimina