La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 8 agosto 2014

Ave Maria

 
 
 

3 commenti:

  1. Ave Maria, lodare Maria, la mamma di Gesù e di tutti noi. Tutti dobbiamo lodare Maria Santissima, diavolo compreso.

    Un sonetto mariano composto dal Diavolo

    Nel 1823, ad Ariano Irpino (Avellino), due celebri predicatori domenicani – p. Cassiti e p. Pignataro – furono invitati ad esorcizzare un ragazzo. Allora si discuteva ancora fra i teologi sulla verità dell’Immacolata Concezione, che fu poi proclamata dogma di fede trentun anni dopo, nel 1854. Ebbene, i due frati imposero al Demonio di dimostrare che Maria era Immacolata; e per di più – da bravi ‘buffoni’ napoletani – gli ingiunsero di farlo mediante un sonetto, una poesia di quattordici versi endecasillabi, a rima obbligata. [E si noti che l’indemoniato era un ragazzino di appena dodici anni, per di più analfabeta]. Subito Satana pronunciò questi versi:

    "Vera Madre son io di un Dio che è Figlio
    e son figlia di Lui benché sua Madre.
    Ab aeterno nacque Egli ed è mio Figlio,
    nel tempo io nacqui eppur gli sono Madre.

    Egli è il mio Creator ed è mio Figlio,
    son io sua creatura e gli son Madre.
    Fu prodigio divin l’esser mio Figlio
    un Dio eterno, e me aver per Madre.

    L’esser quasi è comun, tra Madre e Figlio,
    perché l’esser dal Figlio ebbe la Madre
    e l’esser dalla Madre ebbe anche il Figlio.

    Or se l’esser dal Figlio ebbe la Madre,
    o s’ha da dir che fu macchiato il Figlio
    o senza macchia s’ha da dir la Madre".

    Pio IX si commosse quando lesse questo sonetto, che gli fu presentato in occasione della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione di Maria.

    Don Gabriele Amorth


    RispondiElimina
  2. Ciao carissimi, un abbraccio grandissimo a tutti!!!....e che Dio vi benedica!!!

    RispondiElimina
  3. ANGELO, grazie per il tuo commento per aver riportato questo bellissimo sonetto! Impressionante sapere che è stato Satana a proclamarlo!!!!!!Ne farò un post. Satana conosce tutta la verità su Maria, meglio di noi. Padre Gabriele Amorth è un bravissimo esorcista e di lunghissima esperienza. Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina