La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 17 ottobre 2014

Il linguaggio di Dio

Non a caso la regola dice che nel Dna sta scritto che si è maschi oppure femmine. E anche se uno si sottopone a un’operazione chirurgica privandosi dei suoi organi genitali il Dna continua a dare il responso originario.
 
Il Dna dunque parla come la Sacra Scrittura, perché la natura è il linguaggio di Dio: si nasce maschi o femmine.
 
Non è un’opzione culturale, che uno può decidere arbitrariamente, ma un dato di natura.

(Antonio Socci http://www.antoniosocci.com)

2 commenti:

  1. Ci sono fatti così semplici e chiari che devono negare gli ideologi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Severus, hai ragione.....l'ideologia acceca e fa negare anche l'evidenza!

      Elimina