La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




mercoledì 21 gennaio 2015

I figli ed il Papa

Per dare vita all’uomo ci vuole la fede in Dio. Se oggi viviamo questa grande crisi cosiddetta demografica, crisi della famiglia, crisi della paternità, crisi della maternità, è proprio una conseguenza della mancanza della fede in Dio. Non si può migliorare questo problema se non con una profonda fede in Dio. Ci vuole una grande fede in Dio per dare la vita all’uomo.

 (San Giovanni Paolo II, Papa - 4 maggio 1986)
 
 
UNA SINCERA CONFESSIONE:
 
Non riesco, nonostante la mia buona volontà, ad abituarmi a questo Pontefice,  che definisco, fuori dagli schemi, soprattutto al suo linguaggio, a volte così rozzo, tremendamente fuorviante ed imbarazzante che si presta facilmente alla trappola della strumentalizzazioni e perfino a credere ad una contraddizione dei contenuti del Magistero, creduti veritieri per secoli. E' anche vero che tutti i Papi hanno dovuto subire strumentalizzazioni e letture forzate delle loro parole, ma è altrettanto evidente che con papa Francesco, che non disdegna di rilasciare interviste a destra e a manca, lasciando ai suoi interlocutori di riferire pubblicamente ciò che ritengono opportuno, il problema è molto amplificato. Inoltre, le parole da lui usate, mal si adattano a discorsi che richiedono una rigorosa precisione dottrinale. Esiste un problema? Sì, esiste un problema! Il problema tra ciò che il Santo Padre vuole comunicare e ciò che viene capito e credo che, allo stato attuale delle cose, esso debba essere affrontato con una certa urgenza e risolto. Questo stato delle cose non fa bene a noi cattolici, all'immagine del Sommo Pontefice e della Chiesa e soprattutto non fa bene al mondo che ci sta a guardare. Mi auguro che il Santo Padre sia saldo nella Dottrina bimillenaria della Chiesa, fondata da Cristo e perpetuata nei secoli attraverso la Tradizione e che le sue parole siano soltanto il frutto di un suo modo, abbastanza maldestro, di comunicare.  

 

4 commenti:

  1. Il 20 gennaio 1958, ha ricordato Pio XII. ai beni e valori della vita della famiglia allargata meravigliosi. Questi beni e valori ottenuti dopo le parole del Papa "più forza interiore e di fertilità quando la grande famiglia come fondamento e la legge della vita dello spirito soprannaturale del Vangelo presuppone che tutto ciò che riguarda la sola eleva umana e gli dà il carattere dell'Eterno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I figli sono un grande valore ed i genitori cooperano con il Signore alla Creazione.

      Elimina
  2. Cooperadores de Dios en la creación... Qué cosa tan grande. Verdaderamente podemos decir que toda vida es un don y que el papel de los padres es un papel extraordinario. Un abrazo, Martina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .....un papel extraordinario!
      Un abrazo tambien para tì.

      Elimina