La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 14 settembre 2015

La peste dell'anima

 

La Chiesa di Chieri (TO) è in festa: oggi si rende omaggio alla Vergine Maria col titolo di Beata Vergine delle Grazie. Il popolo chierese, memore della grande grazia ottenuta dalla Santa Vergine, nel lontano 1630 (ne ho scritto l'anno scorso qui) e cioè di essere liberato dalla peste che imperversava in tutta Europa e nel nord Italia, ancora Le offre, in rendimento di grazie, tributi di filiale riconoscenza ed amore.
La malattia del corpo fa paura, soprattutto la malattia che devasta, sfigura, cambia la  fisionomia e può portare alla morte e nel 1630 la peste faceva paura, sfigurava e portava alla morte certa. Oggi quella peste non ci fa più paura ma abbiamo dimenticato che esiste un'altra peste che, allo stesso modo di quella, ci devasta, sfigura e ci porta alla morte. E' una peste che non  siamo più portati a considerare tale, perché se ci fa terrore la malattia del corpo altrettanto non fa quella dell'anima perché non siamo più abituati a considerare che esiste anche una malattia dell'anima.
Il miracolo dell'allontanamento della peste dalla città di Chieri
(dipinto che si trova nel Duomo di Chieri) 
La peste dell'anima esiste e ci porta alla morte eterna, lontani da Dio e dalla felicità. La peste che sfigura la nostra essenza è il peccato, in modo particolare il peccato mortale, che allontana e spezza la comunione con Dio, togliendoci la grazia che invece ci tiene saldamente ancorati a Lui, in un vincolo di familiarità. La Vergine Maria ci renda capaci di capire il male della nostra anima, di quanto esso addolori il Signore e di volerlo sconfiggere con la richiesta di perdono a Lui nella confessione sacramentale. La Santa Vergine ci doni la grazia di conseguire la purezza del cuore, l'unione con Dio, il desiderio di praticare tutte le virtù per meritare il premio eterno in Cielo. La Vergine Santa ci doni la grazia di essere liberati oggi e sempre dalla peste dell'anima!    

2 commenti:

  1. Procuremos mantener siempre bella el alma porque eso nos ayuda a ser más felices
    Hoy más que nunca lo necesito.
    Gracias.
    Un beso grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Asì es! Necesitamos siempre ser felices y la Virgen Maria nos aiuda......

      Un abrazo y animo!!!!!!

      Elimina