La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 6 ottobre 2015

Prima tappa: Siviglia o Sevilla

 
 Il filosofo e saggista spagnolo José Ortega y Gasset descrisse la città di Siviglia come la 'città dei riflessi' ed io credo di aver capito cosa intendesse, perché questi riflessi li ho visti tutti......
Siviglia è la città provincia dell'Andalusia, è adagiata sulla riva sinistra del Gaudalquivir. E' una città dalla quale sono passate civiltà millenarie: il popolo di Tartesso, i Fenici, i Romani, i Vandali, gli Arabi ed i Castigliani. Ognuno ha lasciato un'impronta, nei monumenti, nelle chiese, nelle viuzze del centro storico, nelle case imbiancate di calce, nei cortili, donandole una caratteristica unica nel suo genere e che ha ispirato pittori come Francisco de Zurbarán (apprendista a Siviglia nel 1614),  Diego Velázquez (nato a Siviglia il 6 giugno 1599) Bartolomé Esteban Murillo (nato a Siviglia il 1 gennaio 1618), lo scultore Juan de Mesa (vissuto e morto a Siviglia tra il 1606 ed il 1627), artisti come il poeta e scrittore Gustavo Adolfo Bécquer (nato a Siviglia il 17 febbraio 1836)o lo scrittore francese Prosper Mérimée (da uno dei suoi racconti fu tratta l'opera 'Carmen') ed il musicista italiano Gioacchino Rossini che scrisse 'Il barbiere di Siviglia'.

 
Entrando in città, non si può non notare la Torre dell'Oro eretta nel 1220 a difesa del porto, che insieme alla Torre detta della 'Giralda' costituiscono i due monumenti più singolari della città. Ma il suo più prezioso gioiello la città di Siviglia lo custodisce in Avenida de la Constitución: la sua maestosa cattedrale completata dalla torre Giralda! 


La Santa Chiesa Cattedrale Metropolitana di Santa Maria della Sede, un imponente edificio gotico che occupa lo spazio di un ettaro di terra. Eretta nel luogo occupato dalla moschea maggiore e consacrata quale chiesa cristiana il 23 dicembre 1248: un enorme scrigno che racchiude un numero incalcolabile di tesori artistici (di famosi artisti!)come dipinti, retabli, sculture, pregiati pezzi di oreficeria, cancelli, vetrate, stampe, manoscritti, oltre ad accogliere le spoglie di re e familiari, del santo Re Ferdinando e di Cristoforo Colombo.

 
 
                          Altri bei monumenti sono l'Alcazar Reale di Siviglia, l'Università - sorta nella ex fabbrica reale di tabacco - considerato il monumento più grande di Spagna dopo l'Escorial di Madrid, la famosa Plaza de Toros, la Plaza de España e poi fontane, parchi, tanto verde, fiori ed ampi spazi..... e tanto altro ancora.......
 
 
 
 
 








 
 
   
 
 
 
 
 
 

3 commenti:

  1. Sevilla me trae grandes recuerdos. Es una preciosa ciudad a la que tengo muchos deseos de volver. Como dice la canción : "tiene un color especial ".

    Un beso grande

    RispondiElimina
  2. Una città che mi ha incantata! Mio marito ne è rimasto affascinato oltremodo.....
    Un fortissimo abbraccio

    RispondiElimina