La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 30 giugno 2016

Il gigante ed il giglio

Entrambi sono tornati alla terra, polvere alla polvere, cenere alla cenere, nella speranza della risurrezione futura. Entrambi hanno riconsegnato l'anima a Dio, con gratitudine ed amore. Entrambi hanno atteso questo momento, il gigante nella saggia maturità della vecchiaia, il giglio nella sofferenza di una grave malattia. L'uno dopo una lunga vita piena, bella e gratificante, l'altra dopo una breve vita nascosta al mondo ma altrettanto bella, piena e gratificante. Il gigante prima di esalare l'ultimo respiro ha sussurrato 'grazie', il giglio ha sorriso.
 
Lui, il gigante, mai volgare, mai fuori posto, bonario, modesto, generoso, ecclettico, autoironico, un campione sportivo, un attore di successo, amato  ed apprezzato soprattutto all'estero e snobbato dalla critica italiana. Quanti personaggi ha interpretato, quanti film e quante risate! Nonostante il successo ha mantenuto la genuinità di chi ha una forte personalità e desidera rimanere se stesso senza lasciarsi condizionare né cambiare per ragioni professionali o di immagine. Un matrimonio durato 49 anni, dei figli, una fede salda che lo ha accompagnato da sempre fino alla fine: tutto questo è stato il mitico Bud Spencer, al secolo Carlo Pedersoli, che è morto l'altro ieri.
 


Lei, il giglio, suor Cecilia Maria, monaca di clausura nel Monastero carmelitano di Santa Fè in Argentina, morta, il 27 u.s. addormentandosi dolcemente, con un sorriso, nel Signore, dopo una malattia dolorosissima sopportata sempre con gioia e dedizione al suo Divino Sposo.
Due vite diverse, due persone diverse, eppure la storia è la medesima: la stessa morte, nell'amore, nella gratitudine, la stessa attesa dello Sposo e del suo eterno abbraccio.
 
RIP
  

4 commenti:

  1. Grande Bud Spencer, ci mancherà! Parto per le ferie, una settimana in Liguria! Aggiornami su di voi! Un abbraccio Francesca Acquacluster ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, buone vacanze! Ti scriverò.....
      Bud Spencer: peccato il tempo passi così in fretta....ci mancherà davvero!

      Elimina
  2. Lamentables pérdidas.

    Bud Spencer era un actor muy simpático. Mi madre disfrutaba con sus películas tan amenas.


    Dos vidas distintas. Hermoso morir con una sonrisa.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  3. Amalia, me ha gustado mucho la noticia de tu madre que disfrutaba con sus películas!
    Sor Cecilia: una muerte santa!
    Un abrazo

    RispondiElimina