La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 22 novembre 2016

Verranno giorni.....


In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo».
 
Dal Vangelo secondo Luca (21,5-11)
 

 
Sui terremoti e le sciagure che ci colpiscono e sulla loro  “spiegazione” lasciamo la parola alla liturgia della Chiesa, perché non ci sono parole più eloquenti delle sue preghiere:

Colletta:
Onnipotente sempiterno Dio che riguardando la terra la fai tremare, a noi atterriti perdona, ed usa misericordia alla nostra preghiera; e sperimentato che abbiamo il tuo sdegno che scuote la stabilità della terra, sentiamo pure la tua clemenza che sana le sue ferite.

Secreta:
Dio che fondasti la terra su salda base, ricevi le oblazioni e le preghiere del tuo popolo e, allontanati i pericoli del terremoto, muta in rimedio salutare per l’uomo i terrori del tuo sdegno divino; affinché quelli che nati dalla terra ritorneranno nella terra, godano di diventare celesti mediante una santa condotta.

Postcommunio:
Difendici o Signore, mentre riceviamo i tuoi misteri e per supremo dono arresta la terra che abbiam visto scuotersi a causa delle nostre iniquità, affinché i mortali conoscano che tali flagelli vengono quando ti muovono a sdegno e cessano quando tu usi clemenza.
 

Nessun commento:

Posta un commento