La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 2 febbraio 2017

Europa: suicidio di civiltà

 

Nel suo ultimo articolo su 'Le Figaro', Mathieu Bock-Côté prende di mira “la trasformazione del cattolicesimo in utopia multiculturale”. Lo fa partendo dal nuovo libro di Laurent Dandrieu, “Église et immigration. Le grand malaise”, in cui il giornalista francese non esita a parlare di “suicidio di civiltà” causato anche dall’atteggiamento di tanti ambienti cattolici.
 
Fatto salvo il “dovere di ospitalità e assistenza alle persone in difficoltà”, Bock-Côté spiega che un conto è accogliere un rifugiato, altra cosa accogliere milioni di migranti, “come è il caso oggi con la massiccia immigrazione nel continente europeo”. Non si può assimilare la figura del migrante a quella dei rifugiati in difficoltà, in fuga dalle guerre e dalla fame. Inoltre, una nazione ha il diritto di difendere i suoi confini?
 
“La chiesa cattolica e Papa Francesco vedono nelle grandi migrazioni un impeto a formare una nuova umanità, unita alla fine, come se la divisione del mondo in nazioni e civiltà fosse un divario storico che è finalmente possibile superare. L’umanità può ancora sperimentare la sua unità: la città cosmopolita sarebbe una redenzione“.
Ma una nazione non è solo una costruzione giuridica, è anche una realtà storica e culturale, con una propria personalità.
E tuttavia “il patriottismo diventa rapidamente un peccato, quando affermato dagli europei. Ma la chiesa non è l’unica colpevole: c’è la naturale tendenza della modernità a condannare e a non comprendere le specificità storiche”.
Bock-Côté afferma che esiste “uno strano discorso sulla religione che domina la mente pubblica e ci spingerebbe a credere che le religioni siano intercambiabili. Per essere assolutamente universale, il cattolicesimo ha forse dimenticato l’intimo e insostituibile legame con la civiltà europea? Non vi è motivo di temere la scristianizzazione dell’Europa. Ma si può anche temere la de-europeizzazione del cristianesimo. Papa Francesco non sembra troppo interessato a tenere in vita la civiltà europea. Assolutizzare l’altro e dimenticare se stessi non è un segno di grandezza morale, ma di stupidità politica. Coloro che vorrebbero evangelizzare di nuovo l’Europa dovrebbero vedere nel cattolicesimo un punto di partenza ispiratore, non un marchio vergognoso“.
 
Mathieu Bock-Côté è uno dei filosofi canadesi di maggior successo. Il suo lavoro si concentra sul multiculturalismo, le mutazioni della democrazia contemporanea e la questione nazionale nel Quebec.
Il suo ultimo libro 'Le multiculturalisme comme religion politique', 'Il multiculturalismo come religione politica', è stato appena pubblicato dalle Editions du Cerf.
 
Tratto da QUI

2 commenti:

  1. Non riesco a capire quale sia il progetto che si nasconde dietro questa invasione indotta e agevolata ma il fenomeno ha il sapore nero della massoneria e dei nostri "cari" padri europeisti.....pensano forse che satana non riscatti il suo credito?......pensano che una volta islamizzata l'europa loro continueranno a sedere sui loro troni dorati?......pensano che il più grande male dell'europa sia il cristianesimo? ultimo ostacolo da superare per la deriva totale?.......siamo già un bel po avanti......no so di cosa si tratta realmente...una cosa è certa......non stiamo aiutando nessuno.....tanto meno l'Africa....di cui ce ne siamo sempre altamente fregati e ancora una volta usiamo esseri umani per i nostri sporchi interessi...mi pare che i poveri, quelli veri.....continuino a essere poveri e ad essere abbandonati a loro stessi.....come abbiamo sempre fatto.

    RispondiElimina
  2. E' in atto un disegno satanico di sradicare completamente le radici cristiane dell'Europa, prima con le ideologie contrarie ad ogni morale ed alla legge naturale ed ora con l'immigrazione clandestina massiccia di islamici. Sicuramente il volto dell'Europa ne verrà stravolto e sicuramente in peggio! Il 2017 è l'anno di Maria Vergine, affidiamoci a lei che ci ha detto che il suo Cuore Immacolato trionferà.

    RispondiElimina