La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




domenica 12 maggio 2013

La marcia, i santi e l'ascensione

Quella di oggi è una giornata particolare dove sembra che la vita ne sia la trionfante protagonista. Con la solennità dell'Ascensione il Signore ci mostra l'esistenza della vita eterna in Cielo; Egli dopo aver lasciato il mondo va a preparare un posto nel Suo Regno Divino a tutti noi. Quale grande consolazione sapere che il Signore ci attende nel Suo Cielo di amore, di pace, di santità e di vita eterna. Quella stessa vita che hanno meritato i martiri di Otranto, ben ottocento uomini, che il Santo Padre ha canonizzato oggi in San Pietro e che vennero uccisi, per non aver voluto abiurare la fede cattolica, ad opera di Maometto II,  il 13 agosto 1480 dopo giorni di assedio della terribile "armata della mezzaluna", cominciato il 29 luglio 1480. (Tutta la storia è narrata qui). Insieme a questi martiri il Papa ha canonizzato due suore Madre Laura Montoya (qui la biografia) colombiana e Madre María Guadalupe García Zavala (Madre Lupita) messicana (qui la biografia). Entrambe misero la propria vita al servizio del prossimo per amore di Gesù. Inoltre oggi si è svolta la 'MARCIA PER LA VITA', migliaia di persone hanno invaso pacificamente Roma per affermare il rispetto della vita umana, dal concepimento al suo naturale declino.    
Il Santo Padre al Regina Coeli, salutando la "Marcia per la vita", ha chiesto di "mantenere viva l’attenzione sul tema così importante del rispetto della vita umana sin dal momento del suo concepimento". Proprio per questo Papa Francesco ha promosso l'iniziativa in corso oggi in molte parrocchie italiane a sostengo della campagna europea Uno di noi per garantire protezione giuridica all’embrione,tutelando ogni essere umano sin dal primo istante della sua esistenza. Un momento particolare per coloro che hanno a cuore la difesa della sacralità della vita umana sarà la Giornata dell’Evangelium Vitae che avrà luogo in Vaticano il 15 e 16 giugno prossimi.

5 commenti:

  1. Carissima, sosteniamo fortemente il rispetto alla vita fin dal suo principio. Ieri i medici hanno detto ad una donna (che conosce mio nipote) dopo una ecografia che il suo bimbo è formato solo a metà, metà viso, penso porti avanti la gravidanza ugualmente, pur sapendo che Il bimbo non vivrà. Chiedo a tutti una preghiera.

    RispondiElimina
  2. Tomo buena nota de esas convocatorias por la vida.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ADRIANA, pregheremo per questo bimbo e la sua mamma. Un abbraccio

    RAFAEL, la vita è sempre un dono ed è nostro dovere difenderla.....
    Un abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  4. Estaré al tanto.

    Gracias por compartir.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  5. AMALIA, grazie a te! Un grandissimo abbraccio

    RispondiElimina