La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 3 febbraio 2014

La manif pour tous made in Europe

In un' atmosfera di crescente minaccia per la famiglia naturale e per i valori fondanti della società, in un clima di tensione, dove si avverte la possibile deriva tirannica dei singoli Stati, l'Europa di sta mobilitando;  Parigi, Lione, Madrid, Varsavia, Roma, Budapest, Mosca, Bucarest, Bruxelles, Londra: le grandi città europee scendono in piazza per difendere la famiglia naturale ed i suoi diritti, proprio alla vigilia della discussione al parlamento europeo della relazione Lunacek.  Il grande popolo della vita, come onda viva si sta muovendo: cattolici, persone e comunità di varie fedi ed ispirazioni religiose, cristiani, ebrei, islamici, anglicani, evangelici, ortodossi e perfino atei si sentono chiamati in prima linea; finalmente si muovono insieme spinti dalla necessità di difendere la bellezza e la centralità della famiglia naturale, di preservare il benessere dei propri figli e delle future generazioni e di rivendicare la libertà religiosa e di opinione.
 

'(…) La libertà di coscienza, con la conseguente libertà di opinione, di scelte culturali e religiose, costituisce la base di quella sana laicità che l’Occidente ha recuperato dopo secoli di fatiche, di tensioni e di violenze, grazie anche al contributo della grande tradizione di vita e magisteriale della Chiesa cattolica. Oggi su questa sana laicità del nostro popolo e della nostra società incombe un pericolo gravissimo'.
(Mons. Luigi Negri, vescovo di Ferrara)

3 commenti:

  1. Difendere la famiglia, bene inestimabile, dovrebbe essere la priorità di ogni nazione e invece si tutelano i "diritti" dei gay, delle lesbiche dalle "discriminazioni" promuovendo quelli che si dicono "Matrimoni" e adozioni di figli.
    Ad una coppia regolare, giovane quanto tempo deve trascorrere per poter adottare un bimbo? A quali pressioni psicologiche viene sottoposta da parte di assistenti sociali non così preparate?
    E...questa non è discrimazione?

    RispondiElimina
  2. Con el llamado Informe Lunacek se pretende que todos los Estados miembros reconozcan el matrimonio entre personas del mismo sexo, y otras cuestiones propias de la ideología de género.

    Es importante luchar contra ello para que el lobby LGTB no imponga su voluntad.

    RispondiElimina
  3. ADRIANA, è vero! Esiste un reato che le istituzioni perpetrano ai danni della famiglia naturale: discriminazione! Ormai sono tutelate solo ed esclusivamente le minoranze.

    ELIGELAVIDA, sì, è importante portare avanti questa battaglia in difesa della decenza e della moralità, contro tutti coloro che vogliono trascinarci nel fango del peccato in nome della libertà......che il Signore ci aiuti!

    RispondiElimina