La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




lunedì 28 luglio 2014

Lo squalo di Messina

 
.......ha vinto il Tour de France!

Auguri!

Impresa da grandi campioni: ha trionfato al Giro d'Italia, alla Vuelta de España ed oggi al Tour de France.....lui si chiama Vincenzo Nibali ed è di Messina ed ha donato la sua maglia rosa del Giro d'Italia alla Madonna di Tindari. Grande!

Scrive di lui il 26 u.s. su Lanuovabussolaquotidiana (qui) Lorenzo Bertocchi:

Nel 2013 a Messina, prima di prender parte e vincere il Giro d'Italia, prese la Vespa del cugino per andare al famoso Santuario di Tindari(http://santuariotindari.it/) e fare una promessa alla Madonna Nera: «Ti porterò la maglia rosa». Tornato a casa confidò al padre Salvatore: «Sai, la Madonna mi ha chiesto di vincere il Giro».
 
 
 Non sappiamo se prima del Tour abbia ripetuto il viaggio in Vespa, di sicuro è a un passo dal poter regalare alla Madonna di Tindari anche la mitica maglia gialla del vincitore del Tour de France 2014.
 
Dicono che Vincenzo, oltre ad essere devoto alla Madonna, lo sia anche della sua famiglia, la moglie Rachele e la piccola Emma. Lo descrivono come un uomo sereno, capace di conservare tranquillità anche nei momenti più difficili. Il nostro ciclismo ha già il suo campione “cattolico”, quel Gino Bartali di cui proprio quest'anno corrono i cento anni dalla nascita.
 
Tanto è cambiato in questo sport, ma ancora si deve pedalare e magari qualche Ave Maria la dice anche lo “squalo”. Per ricordarci che la tecnologia potrà anche far miracoli, ma fino a un certo punto. Facci sognare Vincenzo, come i bambini che inforcano la bici e fanno finta di essere te, per tutti quelli che pedalano la loro dura quotidianità, facci sognare di essere “un uomo solo al comando”. La fantasia può finalmente correre, scriveva Mario Palmaro, perfino più veloce della bicicletta lanciata lassù, verso un traguardo che sembra, ma non è, irraggiungibile.
 
Forza Vincenzo, Parigi è vicina, la Madonna a Tindari vorrebbe indossare il giallo. 

8 commenti:

  1. Me maravillan estos campeones. No sólo ganan en un deporte durísimo, sino que tienen gestos que salen del corazón y les honran...

    Enhorabuena!!

    RispondiElimina
  2. Congratulazioni. Un vero campione!
    E i tedeschi hanno vinto sette tappe.

    RispondiElimina
  3. Un gran corredor. Ha ganado el Tour con gran autoridad. Conseguir ser vencedor de las tres grandes 'Vueltas' está al alcance de muy pocos ¡Enhorabuena!

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. ELIGELAVIDA, è un campione anche nell'amore a Maria. Evviva! Un abbraccio

    JOS.M.BETLE, un campione che si è posto sotto lo sguardo di Maria Vergine.

    JUAN IGNACIO, sì, solo pochi corridori hanno vinto tutte e tre le competizioni. Sono orgogliosa di lui anche perché è di Messina, come me!!!!!!
    Un abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  5. Grande Nibali!!!....è stato un piacere vederlo trionfare a Parigi!!!...una grandissima emozione!!!

    Viva Messina!!! tutta la Sicilia e tutti i siciliani!!!

    un grandissimo abbraccio!!!

    RispondiElimina
  6. ANGELO, evviva! Grazie......e speriamo non sia dopato! Perché la paura ti viene....
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Gran campeón! !

    Y gran hombre.

    Un beso grande

    RispondiElimina
  8. AMALIA, credo sia anche un'ottima persona. Un abbraccio

    RispondiElimina