La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




sabato 16 luglio 2011

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Il monte Carmelo è un'estensione montuosa a Sud dell'attuale città di Haifa (Israele) e si protende verso il mare Mediterraneo per circa venti km raggiungendo i 546 metri di altezza. Proprio qui il profeta Elia fu testimone della misericordia di Dio che fece cadere la pioggia per salvare Israele dalla siccità (si legga nella Bibbia 1Re,18). Il monte Carmelo è il luogo dove si ritiravano gli eremiti ancor prima della venuta di Gesù, dove un gruppo di essi, dopo l'avvento del Cristianesimo, continuò a dimorarvi vivendo nel culto della Vergine Maria. Nasce così l'Ordine Carmelitano, la cui Regola viene approvata nel 1226. Carmelo vuol dire giardino di Dio, luogo prezioso e mistico, al tempo stesso concreto ed invisibile, luogo dell'anima dove scende la pioggia ristoratrice della Grazia del Signore che rigenera e salva. Maria è la Regina del Monte Carmelo, la Regina del giardino di Dio, che accoglie in sè la vita e la fecondità, Gesù incarnato,  donandola al mondo. Il 16 luglio del 1251 la Vergine apparve al primo Padre Generale dell'Ordine, il beato Simone Stock al quale diede lo scapolare con la promessa che avrebbe salvato dalla perdizione eterna coloro che l'avessero indossato. L'Ordine Carmelitano ha donato alla Chiesa tanti santi tra cui Teresa d'Avila, Teresa del Bambino Gesù, Giovanni della Croce, Teresa Benedetta della Croce. Di questi vi parlerò in altri post.         

Nessun commento:

Posta un commento