La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 5 agosto 2011

Madonna della Neve


Alla metà del sec. IV Giovanni, patrizio romano, trovandosi senza figliuoli, di concerto colla pia sua moglie, risolvette di impiegare tutte le proprie sostanze nella edificazione di una nuova chiesa a onor di Maria, e supplicò Maria SS. a fargli conoscere il luogo in cui tal chiesa dovea costruirsi. Maria apparve la notte ai due coniugi, e loro disse che la chiesa dovea edificarsi in quel luogo che alla mattina si saria trovato coperto di neve. La mattina seguente, giorno 5 agosto, si trovò il nuovo miracolo della neve caduta sul colle Esquilino. Ivi adunque, consentendovi il Papa Liberio, che aveva avuto la stessa vision di Giovanni, si diede principio alla fabbrica, che compiuta, fu detta la Basilica di Liberio, poi di Sisto pei tanti nuovi ornamenti che questo Papa vi introdusse. Essendosi poi in essa trasportata dall'Oriente la mangiatoja in cui fu adagiato Gesù Bambino, si disse Santa Maria del Presepio. Finalmente per distinguerla da tante altre chiese che poi si edificarono ad onor della Vergine, si denominò Santa Maria Maggiore, per indicare che essa è quella che deve primeggiare nella comune stima, essendo stata decretata dalla stessa Beatissima Vergine. E in memoria del grande prodigio, se ne stabilì, sotto il nome di s. Maria della Neve, la titolare sua festa al 5 Agosto. ( tratto da Manuale di Filotea del sacerdote milanese Giuseppe Riva, penitenziere della Metropolitana di Milano. Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche - 1898 )    



In questa Basilica ( che si trova a ROMA ) sono state celebrate le mie nozze........

..................................................................................................................................................
La Basilica di Santa Maria Maggiore è la più antica chiesa dedicata in occidente alla beata Vergine Maria, eretta per onorarla come Madre di Dio, come aveva stabilito il concilio di Efeso nel 431.  

2 commenti:

  1. Carissima, non sapevo il perchè di questa dedicazione alla Madonna della neve. Ora si. grazie a te. un abbracciio
    Per voi rappresenta il luogo ove avete consacrata a Dio la vostra unione. E' ancora più caro.

    RispondiElimina
  2. ADRIANA, una storia singolare. La Madonna ci sorprende sempre. Sì, è vero, per noi il matrimonio in questa Basilica significa tanto. Un grande abbraccio

    RispondiElimina