La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




mercoledì 14 marzo 2012

Anna Paschetta e il sigillo di Dio

Anna Paschetta si è laureata ieri all'Ospedale 'Le Molinette' di Torino. Un luogo insolito per discutere una tesi di laurea, ma Anna è malata di fibrosi cistica dalla nascita, tempo fa ha subito un intervento di doppio trapianto polmonare, ed ora è ricoverata in terapia intensiva per un'infezione polmonare. Il coraggio di questa ragazza è davvero straordinario ed encomiabile. Nonostante la sua malattia invalidante, ha avuto la forza e la tenacia di lottare, studiare, vivere! E' una ragazza da imitare! Il coraggio e l'attaccamento alla vita di Anna si spiega soltanto se crediamo che simili situazioni si affrontano e si vincono solo perchè dentro di noi è presente il germe dell'eternità. Dio ha posto il suo sigillo in ogni anima, in ciascuno di noi: ed è per questo che, ascoltando la Sua Voce, sentendo il calore della sua Immagine, si avverte il forte attaccamento alla vita, nonostante le difficoltà, i dolori, le amarezze che essa ci riserba! Altrimenti niente avrebbe senso e nulla meriterebbe i nostri sforzi. Grazie Anna, per questa lezione magistrale di vita! Grazie, 110 e lode!!!!

(foto  tratta da MUSEO DEL SIGILLO DI LA SPEZIA)

7 commenti:

  1. Gianna e Anna esempi di come si può affrontare la vita con coraggio, determinazione e con fede. Anche dal dolore Dio sa trarre il bene. Esse sono il riflesso di Dio, la vittoria della Vita sulla Morte.

    RispondiElimina
  2. Credo che sul loro viso sia davvero stampato il Volto di Dio! Se Lo vogliamo vedere basta guardare i loro volti: Lui è lì...

    RispondiElimina
  3. Spero di riuscire a mettere il commento! in genere non ci riesco... ma non è che dedichi molto tempo al web!
    Grazie per le tue visite e grazie per i commenti, soprattutto l'ultimo perchè pensa tu che il brano me l'ha inviato un amico e va proprio bene anche per commentare "L'annuncio a Maria" di Claudel che sabato prossimo presenterò nel mio paese!
    Ti chiedo una preghiera perché non è che sia una cosa che mi piace particolarmente parlare in pubblico!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. PER ANNA:
    Carissima, il tuo blog mi arricchisce, mi piace moltissimo!
    Ho letto il post su P. Claudel, straordinario autore che tutti dovrebbero conoscere....
    Vedrai che la tua presentazione andrà benissimo, puoi contare sul mio sostegno e sulla mia preghiera!
    Un abbraccio

    PER ANGELO:
    Sono contenta che ti sia piaciuto il post, grazie a te!

    RispondiElimina
  5. Es una lección para todos. Muchas veces nos lamentamos de pequeñas cosas, sin darnos cuenta de que hay quien tiene un gran sufrimiento y sin embargo nunca pierde las ganas de vivir. Su valor es admirable. Te mando un beso.

    RispondiElimina
  6. Amalia, è vero! Quante volte ci lamentiano e non dovremmo, quando succede dovremmo pensare ad Anna!
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina