La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 30 marzo 2012

St. Joseph's Staircase

A Santa Fe, capitale del New Mexico, nel 1872 il vescovo Mons. Jean Baptiste Lamy, decide di far costruire una cappella per le suore appena arrivate in città. La commissione viene affidata all'architetto P. Mouly che progetta la prima cappella gotica oltreoceano, sullo stile della Sainte Chapelle di Parigi. Poco dopo aver ultimato l'opera l'architetto muore. Purtroppo egli non aveva previsto un modo per accedere in coro dalla tribuna! Vengono contattati diversi ingegneri ma tutti ebbero a dire che il danno era irreparabile, non essendovi spazio sufficiente per costruire una scala. Le suore cominciano a pregare una novena a San Giuseppe, affinchè si possa trovare una soluzione. Il nono giorno si presenta alla loro porta un uomo dai capelli grigi, accompagnato da un asino, carico di semplici strumenti da lavoro, che si offre di costruire una scala. La Madre Superiora acconsente. Lo strano falegname inizia a lavorare ma chiede di essere lasciato solo durante la realizzazione della scala. Ogni tanto, però, una suora spia il falegname in attività, e si accorge che usa soltanto sega, goniometro, martello e cavicchi invece di chiodi. Dopo tre mesi la scala è pronta! E' una doppia spirale, sospesa senza punti d'appoggio, assemblata senza alcun chiodo e fatta con un legno mai visto! Il falegname ultimato il lavoro sparisce senza che le suore possano sdebitarsi con lui: nessuno lo conosce e nessuno sa dove e come rintracciarlo. La scala ha 33 gradini, e sfida le leggi più elementari della fisica e della statica! A tutt'oggi non presenta segni di cedimenti nè di usura. E chiunque sale questi gradini ha una sensazione di leggerezza mai provata. Chi l'ha costruita? Ma naturalmente, senza ombra di dubbio: San Giuseppe, lo Sposo santissimo e purissimo della Vergine Maria!

Questo è il VIDEO  della Cappella e della Scala Santa
Questo è il sito ufficiale della LORETTO CHAPEL

12 commenti:

  1. Muchas gracias, hermoso compartir que podemos ser cómo él,un saludo

    RispondiElimina
  2. Soldad interior, bienvenido en mi blog! Gracias por la visida. Vuelve pronto. Un saludo

    RispondiElimina
  3. ojala podamos seguir ese ejemplo maravilloso o te felicito por la entrada
    saludos y buena semana santa

    RispondiElimina
  4. Estimada hermana, gracias por este compartir, cada dia aprendo algo nuevo, no conocia esto gracias por su delicadeza de enseñarnos, que Dios la acompañe siempre y la bendiga, reciba mi abrazo fraterno y una santa semana santa.unidos en Jesús y María.

    RispondiElimina
  5. LUGAR DE LA PAZ muchas gracias por visitarme! Vuelve pronto...
    Buena semana santa

    SILENCIO EN LA ORACION gracias....
    Un abrazo fraterno y buena semana santa en el Amor de Dios.

    RispondiElimina
  6. E' un bellissimo miracolo. Grazie, lo voglio far conoscere ad altri.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. ADRIANA, è vero è un miracolo bellissimo. Dio si serve delle leggi che Lui stesso ha creato, sovvertirle per farci credere che Lui è il Creatore ed il Signore dell'universo!
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  8. Estimada hermana, gracias que Dios le conceda lo que pide su corazón, reciba mi abrazo fraterno y me encomiendo a sus oraciones.

    RispondiElimina
  9. Muchas grcias, por su apoyo un saludo, gracias

    RispondiElimina
  10. Bello relato, Martina. La verdad es que te hace meditar. Un beso y que tengas un buen fin de semana. ¿Cómo sigue tu padre?.

    RispondiElimina
  11. AMALIA, mio padre ha avuto qualche complicazione, spero si possa risolvere. Grazie di cuore per il tuo affetto.
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina