La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




venerdì 29 giugno 2012

Azzurri, Über Alles



Lo confesso, parlo il tedesco, sono nata in Germania, in un paesino sperduto dell'Hessen (Assia), immerso nella natura. Quando vi sono nata io si chiamava Dautphe, ma da diversi anni ha mutato nome in Dautphetal. Non sono particolarmente legata nè a questo luogo, nè alla Germania. Ho abitato in vari luoghi, per diversi anni, ma mi sono sentita sempre una 'straniera'. Ho sempre avvertito quella sensazione di 'fastidio' dei tedeschi nello stare accanto ad un non tedesco, ein Ausländer!
I miei genitori e mia sorella vivono ancora in Germania ed ogni volta vivono con una certa ansia le sfide tra le due squadre, dovendo sopportare qualche ingiuria o frecciatine, da parte dei vicini e dalla stampa che non è di certo clemente e neanche obiettiva. Infatti, sarebbe bastato leggere, in questi giorni, le testate giornalistiche per farsi un'idea di quello che succede in Germania, alla vigilia di una partita come quella di ieri sera. Mi dispiace moltissimo constatare come una manifestazione sportiva, che dovrebbe servire per consolidare amicizie ed alleanze tra i popoli, susciti invece invidie, malsane rivalità, spirito di rivalsa e di vendetta, risvegliando antichi rancori mai cancellati. Una testata giornalistica (che rispecchia molto il 'comune sentire' dei tedeschi), nei giorni scorsi andava in stampa con un articolo in cui augurava buon viaggio alla squadra azzurra, scrivendone i nomi della ipotetica formazione, che avrebbe giocato contro la Germania, non su di un campo di calcio ma su un aereo: "Wir WÜNSCHEN schon jetzt eine gute Heimreise!". Quindi, non nascondo la mia soddisfazione perchè gli Azzurri hanno vinto la sfida contro la Germania. L'unica squadra, oltre alla Nazionale Italiana, che suscita in me altrettanto orgoglio è la Nazionale Spagnola!
Comunque sia, io amo la terra di Germania, di essa mi piace tutto, le città, la cucina, i paesaggi, ed anche i Tedeschi!

MA TIFO SEMPRE E COMUNQUE: AZZURRI!!!!!!

6 commenti:

  1. Ciao Martina, una curiosità: perchè senti orgoglio nazionale per la squadra spagnola???
    Ciao,
    Francesca (Acquacluster)

    RispondiElimina
  2. Grande Italia!!! ieri sera ho condiviso la vittoria con Teresa, subito dopo la partita, su Facebook, ed era felicissima!!!Per un'italiano che vive in Germania dev'essere una sensazione bellissima!!!
    Devo dire che tutto sono tranne che sportivi, sia i giornalisti che i tifosi tedeschi, se avessero giocato con un po di umiltà in più, forse le cose potevano andare meglio. Io personalmente sono contento così, sono convinto che in tutto il mondo esistano persone brave e meno brave, simpatiche e meno simpatiche, e i tedeschi sinceramente sono brave persone, ma si danno troppe arie, oggi come 60 anni fa pensano di essere i padroni del mondo, ma non lo sono, e sono convinto che oggi come 60 anni fa, nello sport come in altri settori farebbero bene ad essere più umili, altrimenti, oggi come 60 anni fa saranno semplicemente.....soli!!!
    Forza Azzurri...sempre e comunque!!!!

    RispondiElimina
  3. FRANCESCA: amo la Spagna in tutte le sue manifestazioni, per le tante cose che ci accomunano, per la cultura, la lingua, il territorio, la gloriosa storia, i santi ed i suoi abitanti, naturalmente, tanto da sentirmene, in un certo senso, parte.....

    ANGELO: sono d'accordo con quello che pensi. Per queste ragioni la vittoria assume una particolarità molto singolare ed un significato che va oltre la semplice competizione sportiva, ma senza odio, nè rancore!I miei ancora non li ho sentiti, però immagino la gioia!
    FORZA AZZURRI...

    RispondiElimina
  4. Pues no sé dónde está la superioridad de Alemania sobre Italia en el fútbol. De ocho partidos oficiales en que se han enfrentado Italia ha ganado los ocho.

    No sabía que habías nacido en Alemania, Martina, y yo que creía que eras siciliana...

    Bueno, el domingo pase lo que pase, da igual, tanto italianos como españoles estamos acostumbrados a ganar y a perder...

    Y si te gusta España, pues nada, adelante, que mejor español, o de cualquier nacionalidad, es quien quiere serlo que el que lo es porque le ha tocado.

    Se me olvidaba. Italia jugó ayer muy bien, hizo de Alemania un equipo vulgar, con una sola idea y equivocada.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Martina, muchas gracias por querer a España. De fútbol no entiendo nada solo deseo que gane el mejor.Te mando un beso y mi recuerdo.

    RispondiElimina
  6. JUAN IGNACIO: sì, sì, SONO SICILIANA, ma nata in Germania!
    I miei nipotini ieri sera erano molto ansiosi, avevano paura che l'Italia perdesse e pensavano a come affrontare i compagni di classe, che li avrebbero presi in giro! Sono d'accordo con te, sul giudizio riservato alla Germania, si è esaltata troppo avendo giocato con squadre mediocri, ma appena ha incontrato una squadra discreta è capitolata! Aspettiamo la finale: hai visto è andata così come io avevo previsto!
    Un abbraccio

    AMALIA: io amo la Spagna e voi spagnoli! Un abbraccio

    RispondiElimina