La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




mercoledì 27 giugno 2012

Come le aquile



Ieri la Chiesa ricordava san Josemaría Escrivá de Balaguer e per riparare ad una mia mancanza, non avendolo ricordato in mittite rete, trascrivo una sua frase tratta dal libro 'CAMMINO - SOLCO - FORGIA' per meditare un pò.

"NON AVERE SPIRITO PROVINCIALE. - DILATA IL TUO CUORE FINO A FARLO DIVENTARE UNIVERSALE, 'CATTOLICO'. NON VOLARE COME LE GALLINE QUANDO PUOI ELEVARTI COME LE AQUILE".



8 commenti:

  1. Bellissima frase su cui meditare.

    .....Che il tuo cuore possa sempre scorgere la realtà delle cose, degli uomini e della vita, come l'occhio dell'aquila ha la capacità di vedere la terra dal cielo....
    Non so chi l'ha scritta ma mi è piaciuta

    RispondiElimina
  2. ADRIANA: avrebbe potuto scriverla anche san Josemaria. Bellissima, davvero.....

    RispondiElimina
  3. Bellissima frase, vero? Più che coincidenza, la chiamerei Diocidenza. :)
    Un piacere passare da te, in questi giorni così impegnati!

    RispondiElimina
  4. Flavia, anche tu conosci DIOCIDENZA????? Un abbraccio e grazie....

    RispondiElimina
  5. Beh..in realtà...l'ho tradotta!!! Meno male che era così, he. Perchè la conoscevo e la dicevo spesso nella mia lingua madre: Diocidencia!!! Era la parola d'ordine nel gruppo missionario in cui partecipavo. :-)

    RispondiElimina
  6. FLAVIA: qual'è la tua lingua madre, lo spagnolo?
    DIOCIDENZA, dovrebbe essere la parola d'ordine di ogni cristiano.
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  7. Si, Martina.
    Comunque tu, anche se ami il silenzio, te la cavi molto bene con le parole...e in tante lingue!! ;-)
    Abbraccio anche x te!

    RispondiElimina
  8. FLAVIA, mi è sempre piaciuto imparare le lingue, ci sono portata! Acuta osservazione, la tua: il silenzio e le parole, credo siano le due facce di una stessa moneta!

    RispondiElimina