La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




martedì 11 settembre 2012

Vittorio Colò

Vittorio Colò: primo atleta italiano, tanti record del mondo e 25 primati nazionali nella categoria Master, 7 medaglie ai Mondiali per veterani del 1997 in Sud Africa e tanta corsa fino ai 95 anni. Nasce a Riva del Garda (TN) il 9 novembre 1911. Nel 1922 il suo esordio nell'atletica. Cui segue una carriera di grandi soddisfazioni e di premi. Si laurea in chimica e lavora presso una grande industria. Non si è mai ritirato dalle competizioni, ha continuato a praticare l'atletica nelle gare Master, una sorta di grande campionato mondiale diviso per fasce d'età. Colò le ha scalate tutte fino alla M95 dedicata agli ultranovantenni. Gli anni sono stati un susseguirsi di vittorie, podi e record tanto da farlo diventare un personaggio internazionale. A 95 anni si è ritirato dalle competizioni e ha smesso di correre. Ieri, poco dopo mezzogiorno, è uscito dalla sua casa di via Pergine a Milano, è entrato nella chiesa di Santa Maria Nascente e ha deciso di suicidarsi sparandosi un colpo in testa. Vittorio Colò aveva 100 anni. Preghiamo perchè il Signore perdoni il suo insano gesto e lo accolga tra le sue braccia.

6 commenti:

  1. Carissima, anch'io ho sentito la notizia e mi ha rattristato.Penso abbia vissuto una buona vita e il gesto di entrare in chiesa come ultimo suo passaggio è significativo, resta tuttavia il non senso dell'atto il "suicidio". Solo Dio legge nei cuori e nella mente degli uomini. A noi resta solo la preghiera.
    Adri

    RispondiElimina
  2. Non riesco a capire che a questa età hanno preso questa decisione dopo una lunga vita di esperienze dove la lotta e la vittoria era il suo compagno. Non riesco a capire perché una chiesa. Solo Dio può giudicare. Per noi possiamo solo pregare per la sua anima.Veramente una notizia molto triste.
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. La verdad es que es muy triste. No sé los motivos que le han podido llevar a tomar esa terrible decisión.
    Un beso grande.

    RispondiElimina
  4. ADRIANA, ANGELO, AMALIA, davvero la notizia è tristissima ed è anche vero che solo il Signore guarda nel profondo del cuore di ciascuno di noi. Vittorio Colò era abituato a vincere e l'essere rimasto vedovo, il non poter più gareggiare lo hanno fatto sentire un perdente. Infatti soffriva molto per non riuscire più a correre data la veneranda età. A noi non resta che affidarlo alla misericordia di Dio. Un grande abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  5. Poveretto, chissà cosa passa per la testa di chi compie gesti insani di questo tipo. Davvero solo Dio può sapere e come dice Adriana, noi possiamo solo pregare. A presto!!

    RispondiElimina
  6. Acquacluster, anche a me ha fatto tanta tenerezza...

    RispondiElimina