La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente.....Le porte? Si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....





post recenti

martedì 19 novembre 2013

Radicamento nella tradizione

Il cosmologo Bernardo di Chartres scriveva: «Siamo come nani sulle spalle di giganti, sì che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l'acume della nostra vista o per l'altezza del nostro corpo, ma perchè sostenuti e portati in alto dalla statura dei giganti». (nos esse quasi nanos gigantium humeris insidentes, ut possimus plura eis et remotiora videre, non utique proprii visus acumine, aut eminentia corporis, sed quia in altum subvehimur et extollimur magnitudine gigantea). La frase esprime una consapevolezza diffusa tra gli studiosi medievali, soprattutto tra quelli delle scuole sorte a cavallo del Mille e che sono state il preludio alla grande epopea della prime università europee. I giganti erano naturalmente i filosofi e matematici greci che, riscoperti, tradotti e studiati dai monaci, diedero un forte impulso allo sviluppo dello scibile umano nel corso dei secoli. In questo tempo di 'memoria corta' va ricordato che esistono e sono ancora valide e basilari due categorie per il progresso scientifico e tecnologico: il radicamento nella tradizione e la libertà di immaginare il nuovo.

4 commenti:

  1. Plas, plas, plas... (aplausos).

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. RAFAEL, per questo ti meriti un grande abbraccio.....grazie!

    RispondiElimina
  3. ¡¡Excelente, Martina!!.

    Un beso grande.

    RispondiElimina
  4. AMALIA, ¡¡muchisimas gracias!! Un fuerte abrazo

    RispondiElimina