La mia Terra di Mezzo

Tra un fonendo ed una tazza, scorre la mia Terra di Mezzo, il mio presente, sospeso tra il passato ed il futuro, il creato e l'increato, il finito e l'infinito, l'azione e la preghiera, il bene e l'anelito di santità, le luci e le ombre, il dire e il fare, la gioia e il dolore, le parole e il silenzio, il visibile e l'invisibile, il donare e il ricevere, il familiare e l'estraneo, i profumi, i colori, i sapori della natura. Amo le porte, si possono aprire, spalancare sul mondo, ma si possono anche chiudere, per custodire preziosi silenzi e recondite preghiere....




giovedì 16 febbraio 2012

Conche e canali



'Siate conche e non canali
riguardo ai doni spirituali,
canali riguardo ai beni materiali'.

Questo è l'insegnamento del beato Giuseppe Allamano la cui memoria cade oggi. Ci ha lasciato delle perle di vera e rara saggezza, che illuminano il cuore ad orientare il nostro cammino sulla via della santità. La santità che egli ci suggerisce di perseguire è la santità di cui parlava anche il beato Giovanni Paolo II: fare bene ogni cosa nell'ordinarietà! Perchè 'Dio è tanto nelle cose grandi come nelle cose piccole'.

Un breve profilo biografico del beato Giuseppe Allamano lo trovate QUI

5 commenti:

  1. Sono contento que abbiamo presentato a due grandi della chiesa. oggi nei nostri blogs. Sempre ci incoraggiano, a credere che la santità e posibile, con il loro esempio e adesso con la sua personale intercesione. Grazie
    Un forte abraccio

    RispondiElimina
  2. Ci dobbiamo davvero convincere che la santità è possibile anche e soprattutto nelle piccole cose. Se andiamo dietro a fantasie, volendo essere grandi, rischiamo di non riuscire a fare bene niente, neanche le cose più semplici che altrimenti ci riuscirebbero benissimo. Grazie anche a te e per la tua presenza. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Con l'incarnazione di Cristo, tutta la potestà ordinaria è stata santificata. Nulla di umano è estraneo a Dio.

    La ringrazio molto per averci dato conoscere il beato Giuseppe Allamano.

    PS: E la ringrazio molto, nel cuore, per le vostre preghiere per Bely. Veramente non ci sono barriere alla fede. Siamo una famiglia. La famiglia di Dio.

    Grazie.

    RispondiElimina
  4. Don Bosco una domenica parlò ai suoi ragazzi sviluppando questo tema:
    -Dio vuole che ci facciamo santi
    -E' facile riuscire perchè il Signore è con noi.
    - c'è un magnifico premio preparato in cielo per chi si fa santo.
    Dopo qualche giorno Don bosco vede Domenico Savio uno dei suoi ragazzi molto pallido e gli chiede se non sta bene il ragazzo gli risponde: no, Don Bosco. Anzi patisco un bene. Voglio dire che sento un desiderio, un bisogno di farmi santo. Mi dica cosa devo fare per incominciare.
    - Ma è la cosa più semplice! Non trascurare mai le tue cose di pietà e di studio, e gioca allegramente con i tuoi compagni.
    Domenico capì e ritornò sereno.

    RispondiElimina
  5. POR ANDY:
    Grazie, grazie di cuore per il tuo bellissimo commento! Non voglio aggiungere altro per non sciuparlo.
    Un abbraccio

    PER ADRIANA:
    Dio non smette mai di meravigliarci! Grazie per averci ricordato il frutto prezioso scaturito dal cuore di don Bosco: San Domenico Savio. I santi generano santi!
    un abbraccio

    RispondiElimina